I veri amici dell'uomo ...

Come scegliere un cane da guardia

Scritto da G. • Martedì, 4 febbraio 2014 • Commenti 0 • Categoria: Razze canine
Ogni cane, che sia un meticcio o di razza, ha innato il senso di difesa della proprietà e del proprio padrone.

Quando si vuole prendere un cane da guardia bisogna sceglierlo valutando quanto si vuole spendere e lo spazio che si ha a disposizione. Bisogna lasciarsi guidare dalle preferenze personali piuttosto che dalla moda del momento.
Uno dei servizi più grandi che ci offre il cane è quello di vegliare su di noi e sulle nostre proprietà. E’ un suo istinto naturale, già da quando agli inizi iniziò ad affiancare l’uomo nella caccia, per poi diventarne il suo guardiano.

Nel corso della storia l’uomo ha poi cercato di selezionare i cani particolarmente adatti alla guardia con uno spiccato senso della proprietà, con un pò di aggressività e con un aspetto fisico imponente per scoraggiare gli intrusi.

Ma l’atteggiamento della guardia nei confronti del padrone e delle proprietà si sviluppa istintivamente in quasi tutti i cani, di razza o meno, di grossa taglia o di piccola taglia. Anzi quelli di taglia piccola possono essere più vigili e aggressivi degli altri.

Infatti può essere capitato a chiunque di entrare in una fattoria e di essere subito “accolto” da un cagnetto piccolo e mingherlino che non smette di abbaiare fino a quando non glielo dice il padrone.


>>Continua a leggere "Come scegliere un cane da guardia"

15547 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il Pastore Tedesco

Scritto da G. • Domenica, 12 gennaio 2014 • Commenti 0 • Categoria: Razze canine
Il pastore tedesco è una delle razze più diffuse al mondo, da parte di molti considerato il cane per eccellenza, ha alle spalle una storia relativamente recente.

Il primo esemplare di cane da pastore tedesco storicamente riconosciuto fu infatti "Hektor von Linksrhein" nel 1899.
Il Capitano di Cavalleria Von Stephanitz si era prefisso di ottenere una razza canina da impiego, di struttura media, buona robustezza d'ossatura e muscolatura forte, ma al contempo resistente allo sforzo.

Le varietà sulle quali si orientarono prevalentemente i primi allevatori furono il cane da pastore del Württemberg, di Turingia e della Svevia, nelle diverse tipologie di manto e taglia, ceppi ritenuti ottimali per progredire verso un modello morfologico che si perpetuasse adeguatamente.

Tra le tante denominazioni del cane da pastore tedesco, da lì a pochi anni dalla sua registrazione ufficiale nell'elenco delle razze canine, sortì quella di "pastore alsaziano". Il motivo principale era da ricondursi al sentimento antigermanico che aleggiava in Europa, specialmente alla nascita dei primi movimenti nazionalistici. In particolar modo in Inghilterra e Francia, si era soliti evitare nomi di cose o animali che potessero evocare la provenienza germanica, ridenominadoli all'occorrenza, e nel caso del cane da pastore tedesco, assegnandogli persino una diversa origine (alsaziana).

Le caratteristiche principali del pastore tedesco sono l'equilibrio, la versatilità, l'eleganza e la potenza che lo rendono ad oggi il più impiegato come cane guida da ciechi, da antidroga, da antiterrorismo, da protezione civile, da valanga ed in tante altre diverse occasioni.

Il pastore tedesco non deve mai essere tozzo, sgraziato o apparire pesante e inadatto a muoversi, ma neppure gracile, fine o simile per caratteristiche ai levrieri.


>>Continua a leggere "Il Pastore Tedesco"

48242 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!