I veri amici dell'uomo ...

Identikit di un gatto - 2° parte

Scritto da G. • Mercoledì, 3 novembre 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del cane
Nello sviluppo dell'animale gioca un ruolo di fondamentale importanza la famiglia d'appartenenza: la presenza della madre e dei fratelli fino alla decima settimana di vita e una normale attività ludica tra cuccioli permetteranno al gattino di socializzare facilmente; per contro, i gattini che crescono da soli avranno più probabilità di diventare adulti schivi, timorosi o ansiosi. Sembra che nel favorire un'amichevole disposizione nei confronti dell'uomo svolga una ruolo fondamentale anche la presenza del padre delle cure parentali.

Molto importante, nel condizionare l'armonioso sviluppo della personalità del gatto, è la presenza della mano amica dell'uomo delle prime settimane di vita: le frequenti manipolazioni, l'offerta di cibo, una voce dai toni bassi e suadenti permetteranno al cucciolo di sviluppare una personalità estroversa e di trasformarsi in un gatto intraprendente, desideroso di giocare e pronto a cercare il contatto fisico con il suo padrone.

Inoltre il gatto è l'animale ideale per alleviare la solitudine delle persone anziane, si adatta perfettamente ai loro ritimi, rimanendo per ore accoccolato sulle loro gambe a fare le fusa. 


>>Continua a leggere "Identikit di un gatto - 2° parte"

3423 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Identikit di un gatto - 1° parte

Scritto da G. • Martedì, 2 novembre 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del cane
Nella scelta di un gatto si devono prendere in considerazione le particolarità caratteriali del soggetto, affrontando una sorta di analisi attitudinali che deve trovare il giusto riscontro nelle aspettative dell'aspirante proprietario. Nell'identikit psicologico del gatto bisogna considerare, prima di tutto, la razza d'appartenenza e le sue peculiarità fondamentali.

Esistono numerose razze di gatti, diverse per molti aspetti del carattere e delle attitudini, anche se le differenze sono meno spiccate rispetto per i cani. Occorre, pertanto, affidarsi a esperti come veterinari, di associazione feline, gli allevatori e i negozianti qualificati che, di volta in volta, sapranno indicare quale razza è più idonea alle diverse esigenze. Ma non è tutto: all'interno di una razza esistono differenze tra un soggetto l'altro e, in questo frangente, solo un allevatore serio potrà orientare l'acquirente verso le scelta più giusta. Per l'esperto è possibile, conoscendo le diverse linee di sangue allevate, esprimere una previsione di massima circa il carattere e l'indole del gatto, e la sua adattabilità allo stile di vita della famiglia che si appresta ad accoglierlo.

Diversa è la situazione quando s'intende adottare un gatto di cui non si conosce il passato, per esempio quando ci si affida a un ente protezionistico o a un rifugio per gatti abbandonati. Capita a volte che sia un annuncio sul giornale a colpirci, piuttosto che un sos nella sala d'aspetto di un veterinario oppure, e questa è la circostanza più frequente, che sia il gatto stesso scegliere il proprio padrone. La scelta, quando può essere definita tale, sarà alquanto difficoltosa perché, già dai primi approcci, bisognerà cercare di intuire la personalità del soggetto. I cuccioli particolarmente attivi e giocherelloni conserveranno, in linea di massima, queste attitudine anche da adulti. 


>>Continua a leggere "Identikit di un gatto - 1° parte"

6692 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Razza e carattere del gatto

Scritto da G. • Mercoledì, 5 maggio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del gatto
Diversi fattori condizionano e influenzano il carattere di un gatto, molti dei quali fanno parte del suo patrimonio genetico, di tutto quello che eredita dai genitori e che quindi possiamo considerare innato, appartenente alla sua natura e alla sua razza. Esistono, però, molte variabili dettate da fattori esterni che condizionano in modo considerevole il carattere.

Si tratta di fattori che un animale acquisisce soprattutto con l’esperienza e con l’educazione, diversi da soggetto a soggetto e che introducono differenze, a volte sostanziali, tra individui appartenenti alla stessa razza o addirittura alla stessa cucciolata. Se è corretto parlare dell’influenza della razza sul carattere, non si può sottovalutare l’importanza dell’ambiente esterno nel condizionarne lo sviluppo. E’ vero che il Persiano, in tutte le sue varietà di colore, va considerato un gatto tranquillo, pacifico e disponibile, ma è altrettanto vero che si possono tracciare differenze di massima tra una varietà e l’altra: il colourpoint è più attivo rispetto a un Persiano nero, il rosso è il più indipendente, il tabby il più rustico, il chinchilla il più schizzinoso, ma è anche possibile imbattersi in un Persiano nervoso, irascibile o poco propenso a farsi manipolare.

Le diverse influenze del mondo esterno e le pressioni che ognuno di questi gatti subisce, possono, infatti, modificare il carattere di base al punto che il soggetto potrebbe allontanarsi dalle caratteristiche generalmente attribuite a quella razza o a quella varietà. Scegliere un gatto di razza significa affidarsi a precisi criteri di previsione per quanto concerne le aspettative di crescita, i fabbisogni alimentari, le cure, il mantenimento e, solo in misura minore, per quello che riguarda il carattere. 


>>Continua a leggere "Razza e carattere del gatto"

7795 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!