I veri amici dell'uomo ...

Il gatto: un cacciatore solitario - 2° parte

Scritto da G. • Domenica, 25 marzo 2012 • Commenti 0 • Categoria: Cure del cane

Caccia e gioco. Naturalmente all’addomesticamento da parte dell’uomo ha modificato in qualche modo alcune naturali tendenze: il gatto domestico, soprattutto se randagio, ha imparato a cibarsi di rifiuti ( vista la loro abbondante disponibilità nei centri urbani) e a vivere in comunità di individui. Inoltre l’ampia e costante disponibilità di cibo e l’assenza di pericoli di cui si è abituato il gatto che vive in una casa frequentata anche da altri animali, ha ulteriormente favorito la tendenza alla vita di gruppo, rendendo maggiormente flessibili i suoi modelli di comportamento naturali.

Ciò nonostante non dimenticate che il vostro gatto è molto più simile ai leoni o alle tigri di quanto voi immaginiate e che l’istinto per la caccia è assolutamente intrinseco nella sua natura, al punto da essere assai più importante del risultato finale. Questo è uno dei motivi per cui è in lui così importante il gioco, che rappresenta un allenamento o una simulazione della caccia: il vostro gatto, raramente caccia per cibarsi, spesso lo fa per gioco e per naturale predisposizione. L’istinto della caccia si manifesta presto nei gattini, inizialmente attraverso il gioco.


>>Continua a leggere "Il gatto: un cacciatore solitario - 2° parte"

2648 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il gatto: un cacciatore solitario - 1° parte

Scritto da G. • Mercoledì, 21 marzo 2012 • Commenti 0 • Categoria: Cure del cane

Il gatto ha avuto origine dai primissimi carnivori, ed è geneticamente mangiatore di carne da almeno 60 milioni di anni, a dispetto della moderna tendenza di convertire il micio domestico alla dieta vegetariana. Per le loro abitudini i carnivori possono essere generalmente suddivisi in due tipi: quelli che si cibano dei resti degli animali uccisi da altri predatori e quelli che si procurano il cibo cacciando e inseguendo le loro prede. Il gatto fa parte proprio di quest’ultimo gruppo, è cioè un vero predatore. Anche il lupo, la volpe, il cane e altri canidi si sono evoluti come cacciatori, ma hanno imparato a integrare la loro dieta con un’ampia varietà di altri alimenti vegetali, e questa è una fondamentale differenza tra cani e gatti.

Gatti a caccia. Per capire il comportamento del gatto domestico occorre tenere conto della diversa impostazione dell’arte della caccia che i felini hanno rispetto ai canidi, nonostante esistano numerose eccezioni all’interno dei due gruppi. Generalmente i canidi hanno impostato la caccia come attività di branco, nel quale ogni animale collabora alla cattura della preda. I felini invece prediligono un tipo di caccia solitaria che si basa essenzialmente sull’agguato, sullo scatto e sulla rapidità dell’inseguimento. Il gatto ha sviluppato un modo di intendere la caccia assai indipendente e individualista, che lo porta a dominare gli animali più deboli e a evitare quelli più forti. Inoltre, da bravo cacciatore solitario, ha sviluppato una straordinaria abilità nella comprensione dei punti di forza e dei punti deboli delle sue prede e degli altri individui in genere, comportandosi di conseguenza.


>>Continua a leggere "Il gatto: un cacciatore solitario - 1° parte"

25306 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!