I veri amici dell'uomo ...

Pompei, prima adozione per uno dei randagi degli scavi

Scritto da G. • Lunedì, 28 dicembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Cure del cane

Ricevo e molto volentieri pubblico questa notizia.

Pubblicato il 17 dicembre 2009


Ha trovato una famiglia uno dei randagi che dimora negli scavi di Pompei. È la prima adozione del progetto “(C)Ave canem”, promossa dal commissario delegato Marcello Fiori per risolvere uno dei simboli del degrado e dell'incuria dell'area archeologica. L’annuncio sarà dato ufficialmente all’inizio della settimana prossima, perché non è stato ancora scelto quale sarà il “fortunato” che avrà modo di lasciarsi alle spalle la vita di strada. Per il momento si sa tuttavia che solo che della famiglia che prenderà in consegna il randagio fanno parte anche due bambini. Intanto in queste prime quattro settimane è terminata la prima fase del progetto, quella anagrafica. Sono 31 i cani censiti all’interno degli scavi, anche se sono solo cinque o sei quelli chesi fermano a dormire per la notte. Si va dal pastore tedesco al maremmano fino ai piccoli meticci. Molti dei cani che gironzolano fra le strade della città distrutta dal Vesuvio hanno anche trovato un nome, come Meleagro, Plautus, Vesonius o Polibia, in base alle aree o al personaggio storico proprietario della domus nelle cui vicinanze i cani amano girovagare. Tutti i randagi sono stati sterilizzati e vaccinati e dotati di microchip per essere identificati, a eccezione di cinque. I funzionari della Asl, in collaborazione coi volontari animalisti hanno anche eseguito le analisi del sangue, per verificare la presenza di eventuali malattie e in un caso è stato necessario somministrare delle cure specifiche per curare un caso di leshmaniosi. Le richieste giunte sui tavoli della Lav, che collabora al progetto e ha aperto appositamente uno sportello all’interno dell’area archeologica, sono state numerose. Prima di dare in adozione il primo cane è stato però necessario vagliare i profili degli aspiranti “candidati”, per verificare l’effettiva consapevolezza dell’impegno che comporta il mantenimento di un cane. Fra le domande presentate, la più curiosa è quella di un turista che ha chiesto in adozione Odone, un esemplare di pointer su consiglio di una guida, che lo conosceva per la sua docilità.


>>Continua a leggere "Pompei, prima adozione per uno dei randagi degli scavi"

2577 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!