I veri amici dell'uomo ...

Il gatto Certosino

Scritto da G. • Sabato, 30 marzo 2013 • Commenti 0 • Categoria: Razze feline
Il gatto certosino è una delle razze feline più antiche.

È stato importato in Francia dall'Oriente dai cavalieri templari nel 1100 circa.
Sarebbe originario delle regioni montuose della Turchia e dell'Iran.

Una leggenda narra che i Crociati che tornavano dalle spedizioni in Terra Santa venivano ospitati nelle certose. Per sdebitarsi con i monaci dell'ospitalità offerta, regalarono loro una coppia di gatti dall'esotico mantello grigio-blu. Essi avevano la fama d'essere dei grandi cacciatori di topi. Per questa loro dote i monaci iniziarono ad allevarli, allo scopo di proteggere i granai e le scorte alimentari, come pure per evitare la distruzione di preziosi manoscritti.

Il Certosino è stato allevato, in epoca moderna, a partire dagli anni trenta da due signore francesi, le sorelle Léger.
Esse iniziarono ad allevare dei gatti blu che comparivano numerosi in un'isola dell'Atlantico. Pochi anni dopo la loro gatta Mignonne fu dichiarata all'esposizione di Parigi il più bel gatto Certosino del mondo.


>>Continua a leggere "Il gatto Certosino"

16911 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il Bombay Americano

Scritto da G. • Mercoledì, 27 febbraio 2013 • Commenti 0 • Categoria: Razze feline
Il Gatto Bombay presenta tutte le caratteristiche dei gatti da compagnia poiché non soffre particolarmente nel vivere in un appartamento.

E' intelligente e di indole affettuosa e si affeziona facilmente agli esseri umani, è pigro e socievole e detesta particolarmente i rumori forti. Le fusa sono molto frequenti, al contrario del miagolio, che emette raramente e con voce stridula.

Il Gatto Bombay tende a legarsi affettivamente alla sua famiglia ed a cercare attenzioni; per questi motivi è una razza particolarmente indicata per i bambini.
Detesta rimanere da solo e solitamente non ama la compagnia di altri gatti: tollera maggiormente la presenza di un cane che quella di un suo simile.

La razza deve il suo nome alla città di Bombay, in India, e alla spiccata somiglianza con il leopardo nero presente nella zona.
Viene infatti amichevolmente soprannominato “pantera da salotto”.
Il paese d'origine di questa razza, a dispetto del nome, sono gli Stati Uniti, in cui a partire dal 1958 un'allevatrice del Kentucky, Nikki Horner, sottopose a incroci esemplari di Burmese Zibellino e di Americano a pelo corto dal manto nero e dagli occhi color rame, con l'intenzione di produrre una sorta di “pantera in miniatura”.


>>Continua a leggere "Il Bombay Americano"

3535 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il gatto Bengala

Scritto da G. • Mercoledì, 27 febbraio 2013 • Commenti 0 • Categoria: Razze feline
Il gatto Bengala è una specie ibrida, nata dall'incrocio tra un gatto domestico e un gatto leopardo.

Nel 1973 il dottor Centerwall volle provare a rendere immuni dalla leucemia felina i gatti domestici incrociandoli con un esemplare di gatto leopardo asiatico.
Purtroppo non riuscì nell'intento, ma diede inizio ad una nuova razza, riconosciuta nel 1991, il "Bengal".

Incroci sono avvenuti con esemplari di Egyptian Mau, Burmese, Abissino e Ocicat, sia per aumentare il pool genetico della razza che per rendere questo felino più docile verso l'uomo; i primi esemplari ottenuti avevano infatti un carattere selvatico ed alquanto nervoso.

Il Bengal non è l'unico gatto ad avere sangue selvatico nelle vene: va segnalato il caso del Savannah, che tuttavia non è una "razza" di gatto ma un ibrido risultante da un incrocio tra un servalo ed un gatto domestico.


>>Continua a leggere "Il gatto Bengala"

4591 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il gatto d'Angora Turco

Scritto da G. • Mercoledì, 30 gennaio 2013 • Commenti 0 • Categoria: Razze feline
È documentato che attorno al 1400 si tenessero in Vicino Oriente fiere alla quali partecipavano gatti a pelo semilungo da molte regioni mediterranee e asiatiche.

In alcuni documenti di queste fiere si fa menzione a gatti originari della Turchia, dotati di pelo setoso e fluente.
Più tardi, attorno al 1600 cominciarono ad arrivare in Europa gatti a pelo lungo, quali omaggi alla nobilità e alle casate reali da parte di sultani turchi. Il Fabri de Peiresc importò in Francia parecchi esemplari e stabilì un fiorente e rinomato allevamento verso la metà del Seicento.
I suoi gatti vennero acquistati dai reali di Francia, da Richelieu e da gran parte della nobiltà francese.

Il Della Valle in Italia tentò un progetto simile ma non ebbe successo. Con il passare degli anni i gatti "francesi" (anche noti come al tempo come gatti d'Angora) spopolarono nei ceti alti di tutta Europa e approdarono anche in America.

Alla fine dell'Ottocento però il gusto dei catofili di tutto il mondo si orientò verso gatti più rotondi e massicci e i cosiddetti Angora vennero incrociati con altri gatti per creare il Persiano. La nascita del Persiano portò l'Angora all'estinzione in Europa e in America.

In Turchia la situazione era poco differente all'epoca. Il governo turco stimolato da una credenza popolare secondo cui il grande statista Ataturk si sarebbe reincarnato in un gatto a pelo semilungo bianco, dichiarò la varietà bianca tesoro nazionale, fece internare tutti gli esemplari negli zoo turchi e promosse un rigoroso programma di protezione e di allevamento.


>>Continua a leggere "Il gatto d'Angora Turco"

3941 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il gatto American Wirehair

Scritto da G. • Sabato, 29 dicembre 2012 • Commenti 0 • Categoria: Razze feline
L'American Wirehair è un gatto americano dal pelo riccio.

Si tratta di un gatto moderno, come l'American Curl, frutto di una mutazione spontanea avvenuta nel 1966 nello stato di New York.
In una cucciolata di American Shorthair nacquero due gattini dal pelo duro e riccio, più somigliante al pelo di una pecorella che a quella di un gattino.

I successivi incroci compiuti da selezionatori provetti, diedero origine alla nuova razza. Per la storia: il primo gattino American Wirehair si chiamava Adam ed era bianco e rosso.

Indipendente, profondamente interessato a tutto ciò che lo circonda, affettuoso, cacciatore di topi, attivo, agile, capace d'imporsi agli altri gatti. Si affeziona a tutta la famiglia, ma desidera rispetto e tranquillità. Ama sia la casa che gli spazi aperti.


>>Continua a leggere "Il gatto American Wirehair"

3973 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il gatto American Shorthair

Scritto da G. • Sabato, 29 dicembre 2012 • Commenti 0 • Categoria: Razze feline
L'American Shorthair è il gatto americano a pelo corto.

Prima dell'avvento degli europei in America non esistevano i gatti.
Probabilmente i primi esemplari vennero già trasportati dai pellegrini del Mayflower, con il compito di proteggere il cibo e le case dai roditori, oppure anche solo per eliminare i topi dalle navi che facevano la spola tra l'America e l'Europa.

Questi gatti si svilupparono senza interferenze umane per frutto della sola seleziona naturale per tutto il XIX secolo rafforzando la loro struttura corporea e il manto protettivo.
La razza fu ufficialmente riconosciuta nel 1904 con la registrazione di Buster Brown.

È un gatto intelligente, affettuoso, casalingo ed amico dei bambini. Eccellente arrampicatore e saltatore, l'istinto della caccia è in lui irrefrenabile. Anche quando ha mangiato a dovere, è sempre pronto ad acchiappare topi di ogni dimensione. È perciò addirittura considerato "gatto da lavoro".

Si affeziona senza distinzioni a tutti i membri della famiglia, purché lo trattino con rispetto e lo lodino quando porta in casa dei "regalini" acchiappati al volo.


>>Continua a leggere "Il gatto American Shorthair"

3265 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

L'American Curl

Scritto da G. • Venerdì, 28 dicembre 2012 • Commenti 0 • Categoria: Razze feline
L'American Curl è il gatto americano con le orecchie e ricciolo.

Si tratta di una razza molto recente sviluppatasi nel 1981 in California quando in una cucciolata di gattini alcuni piccoli presentarono un insolito riccio sulle orecchie. Si trattava di una variazione dominante passata poi ai successori.

Questa caratteristica trasmissibile nata per caso una trentina di anni fa ha permesso così la nascita di una nuova razza.
Anche quando nascono con orecchie normali, nel giro di sei mesi possono sviluppare le caratteristiche orecchie a ricciolo.

L'orecchio riccio si è sviluppato in origine solo in gatti a pelo lungo, oggi vi sono anche gatti con orecchio riccio a pelo corto.
Il mantello può presentare un insieme di colori, ma sono più comuni i gatti dal pelo unicolore, multicolore e marmorizzato.



>>Continua a leggere "L'American Curl"

3028 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il gatto soriano

Scritto da G. • Domenica, 25 novembre 2012 • Commenti 0 • Categoria: Razze feline
Il gatto soriano deve il suo nome alla Sorìa (Siria), regione in cui tale gatto era diffuso allo stato selvatico.

E' la razza del comune gatto domestico.
Questo gatto viene anche chiamato Tabby, che deriva dalla modifica del latino medioevale attabi, che stava ad indicare l'Attabiyah, attuale Iraq, dove veniva prodotta una seta striata che ricordava il pelo di questi gatti.

Questi gatti molto intelligenti e affettuosi hanno un peso variabile nell'adulto fra 3-4 kg (femmine) e 5-7 kg i maschi.
Il soriano è un gatto giocherellone, coccolone e indipendente, con un forte istinto alla caccia. Ama muoversi liberamente e vivere all'aria aperta.

Quando è in calore può allontanarsi da casa per chilometri e chilometri alla ricerca del partner. In questo periodo i maschi eseguono combattimenti violenti e le femmine emettono i classici versi acuti simili ad urla di bambini.
Le gatte partoriscono al massimo due volte all'anno e il numero dei cuccioli varia da 1 a 6. In circa due mesi lo svezzamento è completo.

Il soriano è caratterizzato da un manto tigrato, pelo corto, di colorazione varia,  in genere di colore grigio con striature nere.


>>Continua a leggere "Il gatto soriano"

3264 hits
Tags:
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!