I veri amici dell'uomo ...

Il Labrador Retriever

Scritto da G. • Giovedì, 2 gennaio 2014 • Commenti 0 • Categoria: Razze canine
Il Labrador Retriever è una razza canina originaria dell'isola di Terranova, allevata e selezionata a partire dal XIX secolo.

Cane di stazza media, di buon temperamento, intelligente, socievole, docile, robusto, eccellente nuotatore (anche grazie alla "palmatura" delle zampe), in origine è stato utilizzato soprattutto dai cacciatori come cane da riporto.
La sua indole buona e il carattere facile all'apprendimento lo rendono adatto ad essere addestrato allo svolgimento di moltissime attività, dall'assistenza ai non vedenti, al soccorso in acqua, alla ricerca di persone.
Grazie al suo carattere estremamente docile ed affettuoso è un ottimo cane da compagnia, particolarmente adatto a vivere in una famiglia dove ci siano anche dei bambini.

Il Labrador è un diretto discendente del Cane di St. John, un incrocio tra una razza autoctona e i cani da caccia importati dall'Inghilterra, allevato dai pescatori inglesi sull'isola di Terranova a partire dal XVII secolo.
Le sue radici si intrecciano con quelle del Cane di Terranova. All'inizio del 1800, fu importato in Inghilterra a bordo di navi provenienti dalla penisola del Labrador.
La razza fu quindi allevata e selezionata da alcuni nobili inglesi, tra cui il Conte di Malmesbury, al quale si deve la nascita, nel 1885, di Buccleuch Avon, il primo esemplare di Labrador come oggi lo conosciamo.
Quattro anni dopo la nascita di Buccleuch Avon, che aveva il manto nero, nacque il primo labrador giallo, Ben of Hyde.
La diffusione dei cani dal manto chiaro divenne però significativa solo dopo il 1920.

L'allevamento di labrador "chocolate" iniziò invece solo negli anni trenta del XX secolo. Per le sue grandi doti di cane da caccia e da riporto, il Labrador conobbe una grande diffusione in Inghilterra, tanto da essere allevato persino da re Giorgio VI.

Oggi i Labrador sono tra i cani più diffusi al mondo, in particolare in Inghilterra, nell'Europa occidentale e negli Stati Uniti.


>>Continua a leggere "Il Labrador Retriever"

34438 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il Rottweiler

Scritto da G. • Lunedì, 30 dicembre 2013 • Commenti 0 • Categoria: Razze canine
Il nome di questa razza deriva da quello della città tedesca di Rottweiler, dove era molto diffuso, utilizzato per difendere la proprietà, fare la guardia, trainare carretti e di eseguire tanti altri impieghi.

Celebre un tempo anche per la sua abilità come cane bovaro veniva proprio usato dagli allevatori per fare la guardia agli animali quando dovevano intraprendere lunghi viaggi per la transumanza dei loro animali: il cane li accompagnava per giorni e giorni e in questi lunghissimi viaggi proteggeva la mandria e il proprietario dagli assalti dei briganti e dei lupi.

La capacità di difesa di questi molossi era così eccezionale da spingere i mercanti, che tornavano con forti somme di denaro ricavate dalla vendita del bestiame, a legare il loro guadagno attorno al collo del cane, che avrebbe saputo custodirlo meglio di loro stessi.

Oggi è un cane molto temuto, per colpa di persone che lo acquistano solamente per avere un cane temibile, addestrandolo in modo errato. In realtà il Rottweiler, pur essendo un cane predisposto alla difesa, è fondamentalmente buono e leale sempre.

E’ un cane di taglia superiore alla media con corpo ben muscoloso. È una razza forte, ma con grande elasticità e resistenza. Possiede delle mascelle eccezionalmente forti ed è dotato di un morso potentissimo.

E' un cane tranquillo, fedele con coloro che considera amici, ma si rivela un temibilissimo difensore e guardiano nei confronti di intrusi o estranei, infatti quando avverte una minaccia rivolta al padrone, diventa terribile e il suo coraggio non conosce flessioni o debolezze.

È istintivamente obbediente e possiede capacità di apprendere al di fuori del comune. Dotato di ottima memoria, facilmente addestrabile, non dimentica mai quanto gli è stato insegnato. Adora i bambini che vigila con commovente costanza. È considerato anche un ottimo cane per la famiglia e da compagnia.


>>Continua a leggere "Il Rottweiler"

17978 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il Terranova

Scritto da G. • Giovedì, 26 dicembre 2013 • Commenti 0 • Categoria: Razze canine
Il Terranova è un cane originario dell'isola canadese di Terranova.

Vi sono molte curiose ipotesi sull'origine di questa razza. La più probabile fa risalire questo cane ai cani da orso portati dai vichinghi sulle loro navi durante le loro esplorazioni.
Altri fanno risalire la razza ai mastini del Tibet, o a loro successori passati in America attraverso lo stretto di Bering durante le glaciazioni.
Il cane veniva impiegato per la caccia, il traino e la guardia ai villaggi.

Tra il XVIII e il XIX secolo tra le isole canadesi del nord-atlantico esisteva una razza denominata Cane di St. John's, utilizzata sia dai pescatori per il recupero delle reti e per il salvataggio in acqua, che dai cacciatori da riporto. Da questi cani si ritiene siano partite le selezioni, sia del Terranova, che del Labrador.

La razza è famosa per la sua caratteristica di amare l'acqua. Ed è per questo motivo che spesso è utilizzata per il soccorso in acqua.
Il suo istinto al salvataggio è così forte che talora può salvare anche chi non ne ha bisogno.

Dal punto di vista caratteriale è amichevole, giocherellone, difficilmente reagisce con rabbia e aggressività a meno che non ci sia un reale pericolo per il suo padrone. È una razza che si affeziona moltissimo. Cane delicato nei primi mesi di vita, ma molto robusto da adulto.
Il Terranova è un cane di grossa taglia, forte, elegante, armonico, agile, resistente.

Molti anni fa veniva usato come cane da lavoro nei boschi o durante la pesca perchè, essendo molto forte, può trasportare il doppio del suo peso.

Il Terranova ha pelo piatto e leggermente ondulato, lungo, duro al tatto, un po’ oleoso. Anche il sottopelo è grasso, per impedire all’acqua di raggiungere la pelle.

E' un cane eccezionale: buono, coraggioso, altruista, intelligente, umano.

Il Terranova possiede l’istinto innato di tuffarsi in acqua per salvare le persone, ed è per questo che viene utilizzato per salvare la gente che si trova in difficoltà per riportarla a riva in salvo.



>>Continua a leggere "Il Terranova"

14084 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il San Bernardo

Scritto da G. • Lunedì, 23 dicembre 2013 • Commenti 0 • Categoria: Razze canine
L'origine del cane di San Bernardo sembra risalire ai molossi romani selezionati nel tempo per adattarsi ai climi di montagna.

Probabilmente questi cani presidiavano con i soldati i punti strategici dei valichi e delle vie di comunicazione, al tempo dei romani e poi anche successivamente.

I cani allevati al colle di San Bernardo sono documentati per la prima volta in un dipinto del 1600 del pittore Salvator Rosa.
Probabilmente i primi cani vennero donati ai monaci che abitavano il Monastero di San Bernardo da alcune famiglie nobili per la guardia e la protezione dagli assalti briganti. Ma ben presto i cani vennero usati anche per il trasporto di piccoli carichi come latte e formaggi, per l'azionamento di dispositivi a mulino...
Inoltre i monaci li usarono per tracciare piste nella neve fresca, per prevedere la caduta di valanghe e ritrovare i viaggiatori dispersi col maltempo.

Fra i cani San Bernardo il più famoso fu Barry I (1800-1814), protagonista del salvataggio di circa 40 persone. Alla sua morte, il suo corpo venne imbalsamato e conservato presso il Museo di Storia Naturale di Berna, e da allora il miglior maschio di ogni cucciolata dell'allevamento dell'ospizio prende il nome di Barry.
La razza inizialmente conosciuta come mastino delle Alpi, nel 1800 si iniziò a diffondere come chien Barry (cane Barry, dal nome del suo esponente più famoso).

La denominazione cane di San Bernardo venne usata per la prima volta nel 1862, in occasione di un'esposizione cinofila presso Birmingham, e si iniziò ad usare universalmente verso il 1880.

Essendo un cane di grandi dimensioni è molto importante l’alimentazione e l’ ambiente in cui facciamo vivere il nostro amico. Basti pensare che alla nascita un cucciolo pesa mediamente 700/800 g e cresce così velocemente da arrivare all’ età di due mesi ad un peso di circa 15 kg.

Il cane dovrebbe vivere all'aperto, su terreni naturali, è un cane rustico, ricordiamoci però in particolare durante la crescita sarebbe meglio non fargli fare dei movimenti bruschi come le scale o i salti in quanto le articolazioni sono molto delicate in questo periodo.

Il Cane di San Bernardo è un mito vivente, buono e coccolone soprattutto con i bambini da cui si lascia fare veramente di tutto e con una pazienza infinita, un vero e proprio cane “Baby sitter”.


>>Continua a leggere "Il San Bernardo"

9399 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il Bovaro del Bernese

Scritto da G. • Domenica, 22 dicembre 2013 • Commenti 0 • Categoria: Razze canine
Il Bovaro del Bernese è un cane di grossa taglia, molto forte e robusto, ma allo stesso tempo molto bello ed elegante.

Il bovaro del bernese è un grande cane appartenente alla categoria dei bovari svizzeri, tricolore a pelo lungo, di grossa taglia, originario delle campagne centrali della Svizzera e delle Prealpi Bernesi.

In origine era utilizzato come cane da guardia, traino e custodia di mandrie nel cantone di Berna, oggi è un cane da famiglia.
Lo si può genericamente definire un cane dalla triplice attitudine (guardia, difesa e compagnia).
Viene chiamato anche Vaccaro o Bovaro da stalla, in ricordo alle sue origine da compagno degli animali di allevamento.

Già i vasi decorati di epoca romana mostrano un cane che ricorda molto nella forma e nel colore il Bovaro Bernese, che si ritiene quindi essere d'antica origine: è molto probabile che il Bernese sia uno dei progenitori del Cane di San Bernardo e di qualche altro molosso, tra cui il moderno Rottweiler.

L'allevamento in purezza della razza inizia nel 1907 da parte di allevatori della regione di Burgdorf.
Nel 1910, a Burgdorf, in occasione di una mostra cinofila, i contadini della regione riuscirono già a presentare ben 107 soggetti.
Da quel momento la razza fu denominata "Bovaro del Bernese". Alla fine degli anni '40 sono documentati alcuni incroci con dei Terranova per meglio stabilizzare la razza. La durata media della vita di questa razza è di soli 7 anni,sebbene se il cane sia tenuto bene,possa arrivare ai 12-13 anni.

Il carattere di questo cane è molto esuberante ed affettuoso, diffidente con gli estranei ma mai inutilmente aggressivo, diventa molto giocoso e protettivo nei confronti dei bambini, per questo viene anche detto cane "babysitter".

Questa tipologia di cane ha la necessità di sapere che ci siete, ha bisogno di contatto, di essere molto spesso coccolato.

Si affeziona a tutti i componenti della famiglia, e specialmente ad una persona in particolare, e riconosce in esso un punto di riferimento per la vita. Tendenzialmente si affeziona e obbedisce al massimo a due persone del nucleo familiare che ritiene i "capobranco", indipendentemente dall'età, dato che molti bovari scelgono come "padroni" dei ragazzini, e dai quali non si vorrà mai separare e a cui riserverà sempre una pura e semplice fedeltà assoluta.

Bisogna inoltre riconoscere la sua intelligenza nell'apprendimento di comandi basilari e difficili. Assieme con altri suoi simili socializza abbastanza bene, ma tuttavia serve diverso tempo a tutte le razze in generale a socializzare con altri cani. È un cane anche molto dolce.

Il cucciolo di bernese ha un comportamento tutto caratteristico che lo porta a dormire per buona parte della giornata, dedicando le ore di veglia a esplorare l'ambiente, a mangiare, a fare i bisogni e giocare; ai cuccioli bastano pochi minuti di gioco per stancarsi molto, infatti dopo essere stati coccolati ed essersi rotolati per terra, i cuccioli di bovaro del bernese cadono in un profondo sonno per diverse ore.

Durante questi lunghi sonni è preferibile non svegliarli o prenderli in braccio, in quanto dormendo crescono, irrobustiscono le difese e recuperano molte energie.

Per punirlo basterà ignorarlo e non dargli più attenzioni, per lui sarà un colpo al cuore e capirà di aver sbagliato.



>>Continua a leggere "Il Bovaro del Bernese"

118250 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il Grande Bovaro Svizzero

Scritto da G. • Venerdì, 20 dicembre 2013 • Commenti 0 • Categoria: Razze canine
Il grande bovaro svizzero (Grosser Schweizer) è un cane di grossa taglia di tipologia molossoide.

È il più grande e massiccio di tutti e quattro i Bovari Svizzeri: molto simile al Bovaro del Bernese, differisce da questi per un mantello a pelo corto e per un peso corporeo mediamente più elevato di 10-20 kg.

Il Grande Bovaro era sfruttato per lo spostamento di grossi carichi e in mansioni per cui veniva richiesta la sua grande forza fisica, oltre che per la guardia del bestiame. La sua fedeltà e il suo attaccamento verso il padrone sono proverbiali.

Le sue origini risalgono ai grandi molossi guardiani di mandrie che nell'antichità furono portati dagli eserciti romani nelle Alpi durante le loro spedizioni.

La razza fu riscoperta dal dottor Albert Heim durante una mostra di Bovari del Bernese nel 1908; egli notò un esemplare dal pelo corto, straordinariamente grande e massiccio. Spetta a lui il merito di aver riconosciuto in questo esemplare atipico un rappresentante dell'antico bovaro guardiano di bestiame che aveva da sempre accompagnato i contadini svizzeri, all'epoca ormai quasi estinto. Lo catalogò quindi come nuova razza con il nome di Grande Bovaro Svizzero, conferendogli quindi uno standard fisso ed elevandolo al rango di razza pura.

Il Grande Bovaro Svizzero è un grande cane molossoide con pelo corto articolato su tre colori: il colore di fondo del mantello è il nero, con macchie bianche simmetriche sul muso, le zampe, il petto e la punta della coda; focature rossicce sono presenti tra il bianco e il nero, specialmente sopra gli occhi.

La testa è grande e potente, in proporzione con il corpo; la lunghezza del cranio è pari a quella del muso, le orecchie sono di media grandezza e attaccate alte. Occhi di color nocciola. Il collo è potente, senza giogaia. Il petto è profondo, prominente, muscoloso e disceso sino al gomito. La spalla è lunga e molto massiccia. La groppa è dritta e di media lunghezza. La coda è spessa e lunga sino ai garretti.
La coscia è grande, forte, obliqua vista di lato.
L'aspetto generale del cane è quello di un animale muscoloso e imponente, che ispiri forza e rispetto ma non aggressività, piuttosto una sicura padronanza di sé e della propria forza.

Di dimensione imponenti, i maschi più grandi possono raggiungere da adulti i 75 cm al garrese per un peso che può anche superare i 70 kg. La femmina, più piccola, può arrivare ai 68 cm per un peso anche di 60 kg. La crescita fisica dura sino ai tre anni.
La sua stazza è paragonabile a quella del Terranova e del Mastino Napoletano


>>Continua a leggere "Il Grande Bovaro Svizzero"

11203 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il levriero

Scritto da G. • Giovedì, 12 dicembre 2013 • Commenti 0 • Categoria: Razze canine
Le origini del levriero sono da ricercarsi nelle radici stesse della civiltà umana, quella del cane inseguitore, che accompagna gli uomini e li aiuta nella caccia raggiungendo e uccidendo di norma la preda aspettando l'arrivo dei cacciatori.

Il nome deriva infatti da leporarius cioè cane adatto a cacciare le lepri. Questa attività è stata senz'altro una delle prime forme di specializzazione che hanno dato origine alle diverse razze canine.

Le forme più antiche sono probabilmente quelle che ritroviamo rappresentate già molte migliaia di anni fa, ai tempi dell'antico Egitto, e pressoché invariate in alcune razze odierne come il pharaoh hound, il podenco ibicenco ed il cirneco dell'Etna.
Da questi primitivi cacciatori, un breve passo portò ad una specializzazione ulteriore che diede origine ai levrieri mediorientali (Sloughi - nella foto - e Saluki, il levriero persiano) e a quelli nordafricani (Azawakh, il levriero del Mali). La successiva diffusione nei diversi continenti portò i levrieri ad adattarsi ai diversi climi (si pensi al folto mantello dell'afgano Tazi), e alle diverse prede (i "cacciatori di lupi" per eccellenza sono il grande Borzoi russo, e soprattutto il gigantesco irish wolfhound).

L'impiego nei cinodromi affinò ulteriormente la selezione in funzione della velocità pura; nacquero così razze iperspecializzate, come il whippet (il cane più veloce, in grado di raggiungere i 75 km/h) e il greyhound, anch'esso veloce ma con più resistenza. 


>>Continua a leggere "Il levriero"

2980 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Cani - Razze

Scritto da G. • Mercoledì, 4 dicembre 2013 • Commenti 0 • Categoria: Razze canine
Si è sempre ritenuto che il cane potesse discendere dal lupo.

E dopo le prime razze primitive, si sarebbero originate tutte le razze attuali per il meccanismo di selezione naturale o artificiale (l'intervento umano).

I più recenti studi basati sulla genetica hanno portato a ritenere valido il riconoscimento del lupo grigio (nella foto) come progenitore del cane domestico.

Ancora incerte sono le ipotesi sul processo di domesticazione.
Una delle ipotesi più accreditate è quella dei coniugi Coppinger, biologi, che propongono la teoria di un addomesticamento naturale del lupo.

Secondo la loro teoria i soggetti meno abili nella caccia avrebbero cominciato a seguire i primi gruppi di cacciatori nomadi, nutrendosi dei resti dei loro pasti, fornendo inconsapevolmente un prezioso servizio di sentinelle, stabilendosi in seguito nei pressi dei primi insediamenti.

Alcuni di questi cani selvatici sarebbero poi stati avvicinati ed adottati nella comunità per il loro ruolo di spazzini e di predatori di piccoli animali nocivi.

Secodo gli studi Belayev, la selezione naturale basata sulle attitudini caratteriali al domesticamento ha provocato la comparsa di mutamenti fisici come la riduzione del volume cranico e l'accorciamento dei denti.

Alla luce delle più recenti esperienze in cui si è tentato di addomesticare il lupo (tutti falliti) o di ibridazione dello stesso con i cani (con soli tre tentativi riusciti, tra cui il Lupo Italiano) è piuttosto improbabile che la prima differenziazione sia dovuta a sottospecie di lupo.
Molto più probabile quindi l'intervento di selezione umana dei primi cani che si avvicinarono ai gruppi di cacciatori.

Nei cani sono state selezionate razze da migliaia di anni, talvolta incrociando fra loro cani ancestrali della stessa linea, qualche volta mischiando cani da linee molto diverse.  Esiste una moltitudine di varietà di razze canine.


>>Continua a leggere "Cani - Razze"

5919 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!