I veri amici dell'uomo ...

I sintomi e i rimedi del cimurro del cane

Scritto da G. • Domenica, 18 ottobre 2009 • Categoria: Emergenze Cane



Il cimurro del cane è una malattia infettiva, contagiosa, propria dei carnivori provocata da un ultra-virus, appartenente alla famiglia dei Paramyxoviridae, isolato da Carrè nel 1905. In condizioni naturali l’affezione colpisce,oltre al cane, la volpe, il lupo, la iena, ecc.

Dal punto di vista clinico si tratta di una delle malattie più complesse per il notevole poliformismo sintomatologico con cui spesso decorre.

Infatti nel cimurro, malattia sempre a decorso febbrile, si notano manifestazioni catarrali acute delle mucose e la presenza di un esantema vescicolo-pustoloso in particolare nella parte interna delle cosce e sul ventre.

Insorgono sintomi gastro-intestinali accompagnati da diarrea. Nella forma respiratoria si osserva catarro diffuso con tosse e segni riferibili a laringite, bronchite e bronco-polmonite. A carico del sistema nervoso centrale si rilevano fenomeni spastici o paralitici, come convulsioni.

Un tempo si pensava che il cimurro colpisse i cani dall’età di 3 mesi ad un anno, ora invece si è accertano che può colpire anche i cani adulti.
Il contagio è molto frequente nei luoghi dove ci sono molti animali come ad esempio i canili, i negozi di animali, le manifestazioni, ecc.

Per combattere questa malattia esiste un vaccino da fare contro il cimurro dalle 6 alle 9 settimane di vita del cucciolo. Il trattamento profilattico si impegna per proteggere i cani minacciati dall’infezione cimurrosa o comunque esposti al contagio.

L’iniezione deve praticarsi per via sottocutanea o endomuscolare nei muscoli della coscia. Nel caso in cui l’animale non fosse stato vaccinato e venisse a contatto con la malattia il trattamento curativo per essere efficace deve iniziarsi alle prime manifestazioni cliniche, quando si notano i primi fenomeni febbrili.




Nessuna azione curativa è efficace quando l’infezione cimurrosa è conclamata. In questi casi si dovranno obbligatoriamente somministrare degli antibiotici.

E’ comunque consigliabile rivolgersi sempre al veterinario il quale a seconda dello stadio della malattia saprà dosare le quantità del farmaco da somministrare al nostro amico.
39282 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

0 Trackbacks

  1. Nessun Trackbacks

0 Commenti

Mostra commenti (Cronologicamente | Per argomento)
  1. Nessun commento

Aggiungi Commento


Enclosing asterisks marks text as bold (*word*), underscore are made via _word_.
Standard emoticons like :-) and ;-) are converted to images.
E-Mail addresses will not be displayed and will only be used for E-Mail notifications.
To leave a comment you must approve it via e-mail, which will be sent to your address after submission.

To prevent automated Bots from commentspamming, please enter the string you see in the image below in the appropriate input box. Your comment will only be submitted if the strings match. Please ensure that your browser supports and accepts cookies, or your comment cannot be verified correctly.
CAPTCHA