I veri amici dell'uomo ...

Perchè i gatti cadono in piedi?

Scritto da G. • Venerdì, 7 febbraio 2014
I gatti, anche se cadono da altezze considerevoli ed estremamente pericolose per qualsiasi uomo, cadono sempre in piedi, cioè con le quattro zampe che toccano per terra e non un’altra parte del corpo qualsiasi.

Questo è uno dei segreti delle famose sette vite del gatto!
Ma qual è questo segreto?

Quando il gatto sta cadendo, i suoi occhi e l'apparato vestibolare (un organo responsabile dell'equilibrio, situato all’interno dell’orecchio) informano velocemente il cervello di quello che sta succedendo e di conseguenza si attivano i muscoli della testa affinché essi si girino nella direzione della caduta.

Ovviamente tutto a livello inconscio, il gatto non pensa consapevolmente di girarsi, ma lo fa in modo istintivo.

Girandosi la testa verso la direzione di caduta, di conseguenza tutto il resto del corpo si girerà adeguatamente.


>>Continua a leggere "Perchè i gatti cadono in piedi?"

6987 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Come fare il bagno al gatto

Scritto da G. • Martedì, 4 febbraio 2014 • Commenti 0 • Categoria: Cure del gatto
Il gatto è notoriamente un animale molto pulito che passa buona parte del suo tempo a lavarsi e a lisciarsi il mantello ma, nonostante questo a volte è indispensabile lavarlo.

Non sono solo i gatti che frequentano le esposizioni o quelli che hanno il pelo lungo ad averne bisogno ma sono le precise esigenze di carattere sanitario a richiederlo.

Il gatto deve essere abituato al bagno fin da piccolo. E’ pericoloso fare il primo bagno ad un adulto che potrebbe spaventarsi, reagire in modo isterico e diventare aggressivo. Il gatto può essere lavato in media una volta al mese, frequenza variabile in funzione del tipo di pelo, del colore e della stagione.

Prima del bagno bisogna procurarsi tutto il necessario, cioè lo shampoo adatto al tipo di mantello e al colore, un grande asciugamano, una spazzola, un pettine e un phon. Il gatto deve essere immerso in una bacinella contenente 10-15 cm d’acqua tiepida e frizionato con lo shampoo, facendo bene attenzione agli occhi e alle orecchie.

Deve poi essere sciacquato con abbondante acqua tiepida per rimuovere tutti i residui di shampoo e subito avvolto in un grande telo di spugna. E’ indispensabile una perfetta asciugatura


>>Continua a leggere "Come fare il bagno al gatto"

12339 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

L'alano

Scritto da G. • Martedì, 4 febbraio 2014 • Commenti 0 • Categoria: Razze canine
L'Alano ha origine tedesche e si pensa che la sua derivazione sia dovuta ad incroci tra grandi cani mastini e dei levrieri.

Gli studiosi sostengono che questi incroci sino stati realizzati grazie alle importazioni di grandi cani e di levrieri da parte dei commercianti Fenici che solcavano il Mediterraneo scambiando della merce rara come alcuni grandi molossoidi. E’ una razza che è ormai diffusa e conosciuta dovunque.

L'Alano è una delle razze di maggior taglia.
Nel suo aspetto generale unisce fierezza, forza ed eleganza in un insieme pieno di nobiltà. E’ grande, potente e di costruzione armoniosa.
L’Alano, grazie alla mole unita alla distinzione, all’armonia dell’aspetto, alla proporzione delle forme, dà a colui che lo contempla l’impressione di trovarsi di fronte ad una statua piena di nobiltà.

Pur essendo un cane di grande taglia, non è massiccio e tozzo, ma al contrario, è snello e slanciato. La sua testa è imponente e le sue linee sono eccezionalmente eleganti nell’insieme.

Eccellente cane da guardia.
Gentile con la famiglia che lo cura, ma inadatto per stare con i bambini, non tanto per il suo carattere ma solo esclusivamente per le sue dimensioni. Mai attaccherebbe una persona senza motivo; è sempre leale e fedele.

E’ un cane molto affettuoso, il quale sarebbe disposto a fare qualsiasi cosa per chi lo accudisce.
Si deve ricercare un cane da accompagnamento adatto alla vita in famiglia, senza paure e sicuro di sé, ricettivo all’apprendimento, privo di aggressività e dotato di soglia di reazione elevata.

Nei cartoni animati è un alano il famoso Scooby Doo.
L’Alano è dotato di una bontà istintiva, attaccato ai suoi padroni, riservato con gli estranei.

Altezza:
 - maschi almeno 80 cm
 - femmine almeno 72 cm
Peso: 45-55 kg
Colori: tigrato, fulvo, nero, blu, bianco e nero (detto Arlecchino).


>>Continua a leggere "L'alano"

28717 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Come scegliere un cane da guardia

Scritto da G. • Martedì, 4 febbraio 2014 • Commenti 0 • Categoria: Razze canine
Ogni cane, che sia un meticcio o di razza, ha innato il senso di difesa della proprietà e del proprio padrone.

Quando si vuole prendere un cane da guardia bisogna sceglierlo valutando quanto si vuole spendere e lo spazio che si ha a disposizione. Bisogna lasciarsi guidare dalle preferenze personali piuttosto che dalla moda del momento.
Uno dei servizi più grandi che ci offre il cane è quello di vegliare su di noi e sulle nostre proprietà. E’ un suo istinto naturale, già da quando agli inizi iniziò ad affiancare l’uomo nella caccia, per poi diventarne il suo guardiano.

Nel corso della storia l’uomo ha poi cercato di selezionare i cani particolarmente adatti alla guardia con uno spiccato senso della proprietà, con un pò di aggressività e con un aspetto fisico imponente per scoraggiare gli intrusi.

Ma l’atteggiamento della guardia nei confronti del padrone e delle proprietà si sviluppa istintivamente in quasi tutti i cani, di razza o meno, di grossa taglia o di piccola taglia. Anzi quelli di taglia piccola possono essere più vigili e aggressivi degli altri.

Infatti può essere capitato a chiunque di entrare in una fattoria e di essere subito “accolto” da un cagnetto piccolo e mingherlino che non smette di abbaiare fino a quando non glielo dice il padrone.


>>Continua a leggere "Come scegliere un cane da guardia"

15752 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!