I veri amici dell'uomo ...

Il gatto ideale

Scritto da G. • Giovedì, 29 luglio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del gatto
Adottare un animale è una scelta molto importante. Tutti i membri della famiglia devono esserne informati, coscienti delle responsabilità che questo comporta e dei bisogni dell'animale. In casa il gatto diventa parte integrante della famiglia, un compagno prezioso per chi ama essere circondato da affetti sicuri e discreti. Rispetto al cane, il gatto presenta dei vantaggi per quanto riguarda le cure e il mantenimento. La sua gestione, infatti, è molto semplice e poco impegnativa: il gatto non deve uscire più volte al giorno per sporcare, non richiede la presenza fisica del padrone per giocare e non soffre se rimane troppo tempo senza vederlo.

Oltre alle necessità quotidiane, come fornire giornalmente un cibo adeguato alle sue esigenze e somministrargli acqua fresca e pulita, occorre solo pettinarlo, farlo vaccinare e curare in caso di necessità. Non tutti i gatti sopportano di essere lasciati soli per lunghi periodi di tempo come, del resto, non tutte le persone amano vivere con un animale troppo indipendente o solitario. Per questo, prima di scegliere un gatto, se non intervengono fattori decisivi di casualità, sarebbe opportuno programmare la scelta, valutando le diverse personalità del gatto e le peculiarità di ogni razza, confrontandole con le reali esigenze del futuro proprietario così da prevedere, a grandi linee, se il nostro futuro compagno potrà soddisfare le nostre aspettative e noi le sue.

Pertanto, prima di tutto, bisogna privilegiare il rapporto in modo tale che si possa instaurare un lungo e duraturo legame, scegliendo un gatto in funzione del suo carattere e non solo delle caratteristiche fisiche. Sarebbe controproducente e addirittura dannoso, per una persona che trascorrere fuori casa la maggior parte della giornata, scegliere come compagno un animale troppo affettuoso e dipendente perché il gatto ne partirebbe. 


>>Continua a leggere "Il gatto ideale"

2031 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il gatto è domestico o selvatico?

Scritto da G. • Mercoledì, 28 luglio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del gatto
Il contatto con l'uomo, l'offerta di cibo le continue manipolazioni, soprattutto tra la seconda e la settima settimana di vita, rendono il gattino particolarmente fiducioso e socievole. E' infatti risaputo che i cuccioli che sviluppano da subito un buon rapporto con l'uomo saranno adulti sereni e sicuri di sè. Eppure il confine tra un gatto di casa e un gatto semiselvatico è piuttosto sottile.

E' sufficiente che il gatto cresca isolato, che la madre nasconda i cuccioli fino a quando non sono perfettamente autosufficienti, che il gattino non possa identificare l'uomo come un fornitore di cibo e di piacevoli attenzioni, che non sia abituato alle sue carezze, per rimanere per tutta la vita un solitario, un po' diffidente, se non, addirittura, aggressivo per paura. La domesticazione non ha soltanto favorito il rapporto con l'uomo, ma ha permesso ancheuna buona socializzazione tra i gatti. E' noto, infatti, come il gatto non ami la vita di gruppo, le gerarchie, la convivenza forzata con altri animali; eppure, sappiamo altrettanto bene che esistono comunità di gatti perfettamente organizzate in cui il tasso di aggressività tra i diversi soggetti è addirittura irrilevante.

Questi gatti, nutriti e curati dall'uomo, non hanno più motivo di competere tra loro per sfamarsi, al punto che non solo dormono nella stessa cuccia, ma è anche possibile vedere madri che non esitano a scambiarsi i cuccioli. Il gatto di casa, grazie alla presenza costante di cibo, non è motivato a portare a termine i suoi rituali di caccia, a girovagare per soddisfare sui bisogni quotidiani. Non avendo queste preoccupazioni è tranquillo e sereno, non teme l'uomo, anzi, lo considera come un enorme gattone, una mamma perfettamente in grado di risolvergli tutti i problemi, di occuparsi di lui e delle sue necessità. 


>>Continua a leggere "Il gatto è domestico o selvatico?"

3586 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Viaggiare con il gatto - 3° parte

Scritto da G. • Mercoledì, 21 luglio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del gatto
È sempre opportuno, quando si parte, portare con sé il libretto sanitario dell'animale, una vera e propria clinica cartella clinica sulla quale oltre alle vaccinazioni annuali, sono riportati i vari trattamenti subiti, interventi, esami di laboratorio, farmaci ed eventuali allergie. Può essere utile, in caso di necessità, conoscere la storia clinica del gatto e fornire informazioni più dettagliate circa la sua salute. Diverso è il caso dei viaggi all'estero.

Per viaggiare in Europa, nei paesi comunitari, è necessario possedere il passaporto internazionale che certifichi l'avvenuta vaccinazione antirabbica e l'identificazione del gatto mediante microchip. I paesi non comunitari e quelli in cui era prevista la quarantena permettono l'ingresso solo ai gatti identificabili mediante microchip, vaccinati nei confronti della rabbia e successivamente testati per verificarne la risposta anticorporale. Prima della partenza, in ogni caso, è opportuno informarsi presso i consolati, le agenzie di viaggio un veterinario circa il corretto iter da seguire.

Oltre ai documenti non bisogna dimenticare alcune attrezzature banali ma di fondamentale importanza. La cassettina igienica e la sabbia sono utili sia per il viaggio sia per il primo giorno di villeggiatura, così come le ciotole e l'acqua da somministrare durante il tragitto. Se non è necessario dare da mangiare al gatto durante il viaggio, è indispensabile, invece, mettergli a disposizione dell'acqua, soprattutto se fa molto caldo.

I gatti non amano i bruschi cambiamenti di cibo, per queste in vacanza è meglio non alterare la loro dieta. Non si può certo pretendere che un gatto avvezzo ad una alimentazione casalinga possa essere improvvisamente alimentato con cibo preconfezionato o secco (in vacanza più veloce e pratico) senza presentare problemi di tipo digestivo.


>>Continua a leggere "Viaggiare con il gatto - 3° parte"

4838 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Viaggiare con il gatto - 2° parte

Scritto da G. • Martedì, 20 luglio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del gatto
L'uso del trasportino è obbligatorio anche se si decide di partire in treno. Non su tutti i treni è permesso di viaggiare con un animale al seguito; è bene, dunque, informarsi presso l'agenzia o la biglietteria al momento della prenotazione. A volte, per raggiungere le isole,i mezzi più idonei sono i traghetti. A oggi non esistono norme nazionali o internazionali che regolano il trasporto via mare degli animali; al momento della prenotazione del biglietto, è necessario quindi informarsi presso la compagnia marittima o presso l'agenzia viaggi circa le norme cui attenersi.


Ai gatti, purchè forniti dell'apposito trasportino e del consenso del commissario di bordo, a volte è consentito stare in cabina, ma di regola dovrebbe essere loro riservata un'area appositamente attrezzata. Quasi tutte le compagnie aeree accettano la presenza di animali a bordo. Anche in questo caso, prima della prenotazione occorre informarsi presso gli uffici della compagnia aerea prescelta circa le condizioni richieste per l'imbarco. Un fattore condizionante è la presenza in cabina di altri animali perché, in genere, soggetti di specie diverse non possono essere imbarcati contemporaneamente ed è permessa la presenza di un unico animale.

I gatti vengono trasportati in aereo come bagaglio registrato, cioè sono regolarmente imbarcati nella stiva. Solo se sussistono particolari condizioni, tra cui la prenotazione del volo con un congruo anticipo e la presenza a bordo di un solo animale, può essere consentito il volo dell'animale col proprietario. Esso deve essere condotto come un normale bagaglio a mano, posto per terra sotto il sedile anteriore e rigorosamente chiuso in un trasportino per tutta la durata del viaggio. Le gabbiette, a volte fornite dalle compagnie stesse, hanno dei limiti di dimensioni e di peso stabiliti; non rispettarli comporta il trasferimento dell'animale nel bagagliaio.


>>Continua a leggere "Viaggiare con il gatto - 2° parte"

2151 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Viaggiare con il gatto - 1° parte

Scritto da G. • Lunedì, 19 luglio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del gatto
Se il proprietario e impossibilitato a portare l'animale in vacanza, deve cercare per tempo delle persone fidate che possono averne cura durante la sua assenza.

Molte società di servizi offrono personale fidato e specializzato in grado di seguire il gatto direttamente nella sua abitazione, altrimenti occorre prenotare una buona pensione. Una scelta deve cadere su quella che più soddisfa le necessità del gatto e del proprietario. In ogni caso è bene verificare che sia pulita, sicura e che il gatto venga messo in box singolo.

Ci sono i dotate pensioni dotate di ogni comfort, con un veterinario sempre a disposizione e dove l'alimentazione è concordata con il proprietario. Se invece è possibile partire con il gatto, occorre accertarsi che il luogo prescelto sia adatto anche a lui, che nell'albergo o nel campeggio di animali siano ben accetti e che i compagni di viaggio non siano allergici al pelo.

L'automobile è il mezzo più usato, soprattutto per coprire le piccole e medie distanze. Se invece il viaggio è più lungo, conviene fare brevi soste ogni tre ore, rinfrescare il gatto con una pezzuola bagnata e somministrargli dell'acqua.


>>Continua a leggere "Viaggiare con il gatto - 1° parte"

3069 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

L'Alimentazione specifica per i problemi di pelle dei cani

Scritto da G. • Giovedì, 8 luglio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del cane
La nuova linea Dermacomfort di Royal Canin

Nutrizione-Salute per la pelle sensibile dei cani di ogni taglia



Milano, 5 luglio 2010 – Royal Canin, azienda francese specializzata nella produzione di alimenti di alta gamma per cani e gatti, presenta la nuova linea Dermacomfort, una risposta nutrizionale esclusiva per le irritazioni lievi o moderate della pelle dei cani adulti di tutte le taglie

La pelle è l’organo più grande del cane e assume un ruolo fondamentale per il benessere dell’animale in quanto rappresenta circa il 12% del suo peso (pelo compreso) e si pone come vera e propria barriera protettiva tra il corpo e il mondo circostante.

Ha inoltre una funzione sensoriale in quanto sulla pelle sono presenti le terminazioni nervose in grado di informare l’organismo in merito a temperatura, dolore e contatto.

Le ricerche condotte da Royal Canin in Italia, Francia e Svezia dimostrano che il 55% dei cani ha problemi di pelle; nell’81% dei casi si tratta di disturbi di tipo lieve o moderato, mentre il 19% di tipo severo (come atopie, dermatiti, ecc).

I disturbi della pelle più comuni sono prurito, pelle secca, irritata o arrossata, forfora, pelo grasso o secco.





>>Continua a leggere "L'Alimentazione specifica per i problemi di pelle dei cani"

1929 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!