I veri amici dell'uomo ...

Gli extra alimentari: i pro e i contro

Scritto da G. • Giovedì, 29 aprile 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del cane

La ricompensa: viene di solito concessa durante l’addestramento, per incoraggiare il cane, incitarlo a fare una determinata azione oppure premiare l’esito felice di un esercizio. La ricompensa va bene finchè resta circoscritta in limiti che non mettono a repentaglio la “linea” del cane.

Le leccornie: distribuite ogni tanto o periodicamente, sia come premio sia come “esca”, le leccornie stimolano la golosità dell’animale. Oltre ai prodotti naturali (bocconi di carne o formaggio) esiste una grande varietà di preparati industriali che soddisfa ogni esigenza di taglia, di gusto, ecc..

Le ossa: le ossa sono eccellenti per l’igiene dei denti; oggi si può scegliere tra l’osso naturale e quello da masticare. Quale cane rimarrebbe impassibile di fronte a un ginocchio di bue? Il volume e la resistenza delle articolazioni rendono quest’osso innocuo, anche per le razze più grandi.

Questo intermezzo lucido-sanitario (igiene delle gengive) non deve tuttavia ripetersi troppe volte, poiché le particelle ingerite tendono a provocare stitichezza. Due volte al mese sembra una frequenza ragionevole. L’osso naturale si rosicchia, mentre l’osso in pelle di bufalo si mastica.


>>Continua a leggere "Gli extra alimentari: i pro e i contro"

3332 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

I vizi dei cani: la questua e la golosità

Scritto da G. • Mercoledì, 28 aprile 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del cane

La questua è un altro pessimo difetto da stroncare sul nascere. I cani piccoli cercano di salire sulle gambe delle persone sedute a tavola oppure abbaiano in continuazione per attirare l’attenzione.

I cani più grossi strofinano il muso contro il braccio della persona individuata come potenziale donatrice, oppure posano direttamente il muso sulla tovaglia, lanciando contemporaneamente uno sguardo supplichevole. Non c’è dubbio, ci sanno fare.


Un’educazione ferma e coerente servirà ad evitare questi inconvenienti. E’ preferibile dar da mangiare al cane in un angolo a lui riservato prima di mettersi a tavola. In seguito, prima di iniziare a mangiare, intimategli un ordine (“Cuccia!” oppure “Fuori!”) che lo tenga buono per tutta la durata del pasto.

La golosità. Benché la porzione quotidiana basti a soddisfare il fabbisogno energetico dell’animale, ogni boccone extra è molto apprezzato da un cane goloso.

Se la domanda (furto o elemosina) non va a buon fine per volontà del padrone, l’offerta (da parte del padrone stesso o di un’altra persona) è tanto più da biasimare in quanto incita il cane ad assumere cibo in eccesso e potenzialmente dannoso (biscotti, cioccolato, prodotti caseari, avanzi del pasto sono tutti alimenti troppo ricchi e inadatti all’organismo dell’animale).



>>Continua a leggere "I vizi dei cani: la questua e la golosità"

3302 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

I vizi dei cani: il furtarello

Scritto da G. • Martedì, 27 aprile 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del cane
Il cane è un animale tendenzialmente “vizioso”, tuttavia può cedere se esposto alla tentazione.

Una cattiva azione, portata a buon fine e sempre impunita, si trasforma in un difetto cronico se non si interviene rapidamente. A volte è così difficile resistere: il boccone (di carne, di pane, di zucchero) è lì, a portata di muso, a volte basta un po’ di faccia tosta e l’attesa del momento opportuno.

Non bisogna lesinare rimproveri e punizioni quando si sorprende il “ladro” in flagranza di reato. Deve ricordarsi (o reimparare) gli ordini di base: “No!”, “Fermo”, “Non toccare!”. 


>>Continua a leggere "I vizi dei cani: il furtarello"

1592 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Riflessioni di un cane

Scritto da G. • Lunedì, 26 aprile 2010

Ho trovato questa lettera e la giro anche a voi amanti degli animali per farvi riflettere.


Pensiero di un cane:


"Io non rubo e l'uomo sì, eppure nei negozi c'è scritto: E' vietato l'ingresso ai cani.
Io non bestemmio e l'uomo sì, eppure in Chiesa è scritto: Vietato l'ingresso ai cani.
Io non baro e non do scandalo, l'uomo sì, eppure in Parlamento è scritto: E' vietato l'ingresso ai cani.
Io non ho mai fatto una guerra e l'uomo tante, eppure è d'uso la scritta: Attenti ai cani. I
o non chiedo tangenti in cambio del mio "operato", l'uomo sì, eppure mi tocca andare in giro con il guinzaglio, museruola e la paura di Essere Abbandonato.
Specialmente quando l'uomo decide che IO sono un peso (natale, Pasqua, ferie). Pensate, l'uomo si comporta così anche con i suoi simili, quando questi non hanno più la forza per difendersi, perché troppo vecchi ed inutili.... 


>>Continua a leggere "Riflessioni di un cane"

34446 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

L'igiene alimentare del cane

Scritto da G. • Venerdì, 23 aprile 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del cane
Per evitare che il cane sviluppi parassiti è meglio non conservare gli avanzi.

La scodella del cibo dovrà essere pulita subito dopo che l’animale ha finito di mangiare e la ciotola dell’acqua lavata quotidianamente. Gli alimenti umidi non consumati devono essere conservati in frigorifero per rallentare la proliferazione di germi e batteri nocivi.

Il pastone, tenuto a bassa temperatura ed eventualmente protetto da un coperchio o da una pellicola di cellophane, potrà essere dato al cane nel pasto successivo. Un’esposizione prolungata alla luce, al calore o all’umidità nuoce agli alimenti secchi. Questi devono essere conservati nella loro confezione, generalmente di carta, oppure raccolti in appositi contenitori di plastica o metallo.

Se in un recipiente trovate alcuen crocchette ammuffite, farete bene a buttare tutto il contenuto, nonché a disinfettare e asciugare minuziosamente il contenitore stesso in modo da evitare una ricontaminazione del cibo. 


>>Continua a leggere "L'igiene alimentare del cane"

4802 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Le buone abitudini dei cani

Scritto da G. • Giovedì, 22 aprile 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del cane
Al contrario di quanto sostengono certe anime candide, secondo le quali il cane è “un essere umano come noi”, questo animale è e resta un carnivoro addomesticato. Non caccia più (o quasi) per nutrirsi e se al giorno d’oggi può godere di qualche comfort, non è comunque il caso di ammetterlo a tavola con la famiglia o di invitarlo a bere una tazza di tè…

Il cane mangia a orari regolari una o due volte al giorno e tanto basta. La specie è abitudinaria di natura, dunque non c’è motivo di sentirsi in colpa se si mangia senza Fido al proprio fianco. Quando più cani vivono sotto lo stesso tetto, conviene adottare per tutti gli stessi principi educativi. Ciò impedirà lo scatenarsi dei conflitti.

Analogamente, ogni membro della famiglia, nonché le persone che si occupano dei cani in vostra assenza, deve essere a conoscenza delle regole, rispettandole e facendole rispettare esattamente come voi. Ciò che non bisogna mai perdere di vista è il carattere ponderato dell’educazione impartita al cane. Se gli proibite di chiedere bocconi a tavola, non è poi il caso di condividere con lui il vostro spuntino davanti alla televisione. 


>>Continua a leggere "Le buone abitudini dei cani"

1920 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

L'alimentazione del cane in vacanza

Scritto da G. • Mercoledì, 21 aprile 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del cane
Se decidete di affidare a qualcuno il vostro cane anziché portarlo con voi, preparate un memorandum per chi prende in consegna l’animale: può trattarsi di un parente, un vicino o uno specialista (pensione per cani).

I primi due seguiranno scrupolosamente le vostre indicazioni; per quanto riguarda il proprietario della pensione, accordatevi affinché dia al cane il cibo giusto.

Alcuni cani soffrono di mal d’auto; in questo caso si cercherà di tenerli a digiuno prima della partenza. Ma soprattutto sarà meglio prevedere una scorta di acqua.

Allorché ci si prepara a un soggiorno all’estero, non sempre si pensa ai vincoli imposti dalla presenza del cane. Non dovrebbero esserci problemi per quanto riguarda l’alimentazione di tipo tradizionale. Viceversa, non sempre è facile trovare i cibi in scatola, poiché cambiano marche e composizione.

Si è notato che un brusco cambiamento nell’alimentazione espone il cane a disturbi digestivi che possono durare parecchi giorni. A seconda del tipo di cibo adottato, informatevi presso la ditta produttrice ed eventualmente fate scorta al vostro arrivo. 


>>Continua a leggere "L'alimentazione del cane in vacanza"

1787 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Dal biberon alla ciotola extralarge...

Scritto da G. • Martedì, 20 aprile 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del cane
In caso di adozione precoce, dovuta alla morte della madre o dalla sua impossibilità di allattare, si farà ricorso al biberon. I tratta di un sistema da usare solo in casi eccezionali e da non prolungare oltre misura. I biberon per neonati andranno benissimo per i cuccioli di grossa taglia, mentre per gli altri bisognerà rivolgersi al farmacista o a un negozio specializzato.

Dopo lo svezzamento, si sceglie una ciotola adatta alla taglia dell’animale adulto. Che sia di legno, plastica o metallo, dev’essere soprattutto stabile. Le ciotole tipo insalatiera presentano una ridotta superficie di appoggio, per cui spesso oscillano rovesciando per terra il cibo. Analogamente, i modelli tipo piatto, con il bordo abbassato, non vanno bene per l’alimentazione del cane.

Infine, le persone che vivono in zone molto fredde (dove la temperatura scende spesso sotto lo zero) e che lasciano i cani all’aperto, non devono commettere l’errore di usare ciotole di metallo, perché per effetto del freddo la lingua del cane vi resterebbe incollata.

In caso di assenza all’orario abituale dei pasti, il padrone può usare un distributore automatico: basta programmare l’ora e la quantità di cibo e l’apparecchio eseguirà fedelmente le istruzioni. 


>>Continua a leggere "Dal biberon alla ciotola extralarge..."

4842 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!