I veri amici dell'uomo ...

Cosa fare contro i cani randagi

Scritto da G. • Venerdì, 26 marzo 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del cane

La prima regola in assoluto per evitare i cani randagi è quella di non abbandonare mai un cane. Vigilate, inoltre, sulla sua libertà.

Sì perché se si possiede un cane sciolto, esso può anche vivere una doppia vita e nella notte riscoprire l’istinto della caccia infliggendo gravi danni agli animali domestici all’insaputa del padrone.

Un’altra cosa è sicuramente quella di dotarsi di buoni e fidati cani da pastore di grossa taglia, combattivi ed aggressivi con qualunque estraneo del gregge. Come abbiamo visto in un articolo precedente, ad esempio il Pastore Maremmano-Abruzzese è ottimo allo scopo, allevato sin da piccolo insieme al gregge sviluppa un istinto di difesa delle pecore e della proprietà non lascia scampo a nessun individuo o animale con cattive intenzioni.

Dotate il cane di appositi collari cosiddetti “anti-lupo” forniti di punte, utili anche nei combattimenti contro altri cani. Nella notte il cane deve stare sciolto all’interno del ricovero e mai legato fuori.

Alimentatelo bene, e possibilmente non tenetene mai uno solo; anche nella difesa, infatti, i cani lavorano meglio in branco, adottando le stesse tecniche di lotta che adotterebbero nella predazione di gruppo. Al calare delle prime ombre ricoverate il gregge e accertatevi della sicurezza delle chiusure.

Un gregge ricoverato in un edificio insicuro può essere sterminato.


>>Continua a leggere "Cosa fare contro i cani randagi"

4016 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Lavatrice per cani in Giappone

Scritto da G. • Giovedì, 25 marzo 2010
Ho trovato questo articolo molto curioso su "La Zampa" e ve lo  propongo.

"Trattamento completo di 30 minuti per 10 dollari

Shampoo, risciacquo e piega in mezz’ora, al prezzo di 10 dollari Usa, poco più di 7 euro. Non è l’offerta speciale di un parrucchiere low cost, bensì quella di un supermercato giapponese per animali. Dog World, questo il nome del negozio, si trova a Tokyo e ha installato una vera e propria "lavatrice" per cani: si apre lo sportello, si introduce Fido, si seleziona il programma desiderato e si resta a guardare.

Dopo 30 minuti il quattrozampe esce come nuovo, lavato, profumato e cotonato. La novità è descritta sul quotidiano britannico "Daily Telegraph", che pubblica anche un video sul funzionamento della lavacani automatica. Protagonista del filmato un barboncino color champagne che, inizialmente perplesso dall’inserimento nel macchinario (simile a un grande forno a microonde), sembra poi accettare di buon grado la singolare toelettatura.

Lo staff di Dog World assicura che il sistema è assolutamente sicuro. Lo shampoo utilizzato non irrita gli occhi mentre l’acqua, spruzzata in abbondanza alla temperatura caraibica di 35 gradi centigradi, contiene anche una percentuale di ozono per garantire un effetto-balsamo: al termine dell’asciugatura, il pelo del pet appare soffice e vaporoso.


>>Continua a leggere "Lavatrice per cani in Giappone"

3480 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Cani paracadutisti in guerra: è polemica

Scritto da G. • Mercoledì, 24 marzo 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del cane
Ho trovato questo articolo molto interessante da "La Zampa" e ve lo propongo.

"In diversi Paesi del mondo sono attivi reparti cinofili "aviolanciati". Il cane si adatta, ma l'aria non è il suo elemento. Gli enti di protezione non vedono la questione di buon occhio
Paracadutisti inglesi in Iraq.
Cani che saltano da migliaia di metri d’altezza per scopi militari, umanitari, missioni di soccorso. Accade a Norvik, in Norvegia, dove pastori belgi - impegnati nell’operazione militare "Cold response", una delle più importanti manovre militari europee - insieme ai loro addestratori si lanciano con paracadute a 10 mila metri di altezza. Secondo gli addestratori, i cani non avrebbero problemi a gettarsi nel vuoto assieme a loro, si legge sul Telegraph. «I cani riescono a rimanere più freddi di tante reclute che ci sono passate davanti», sottolinea un militare secondo il quale, non percependo la differenza di altezza come gli uomini, i cani non si spaventano. La cosa che li infastidisce sarebbe invece il rumore del motore dell’aereo.

Ma accade anche in Gran Bretagna dove - secondo il Sun di qualche tempo fa che citava fonti governative - l’esercito britannico stava arruolando tra le sue fila i pastori tedeschi per paracadutarli in zone di guerra per aiutare i militari. I cani dovrebbero essere addestrati per essere lanciati da altezze superiori ai 6 mila metri, per poi atterrare dietro le linee nemiche con telecamere sul capo dotate di dispositivi per trasmettere le immagini ai soldati britannici del Sas (Special Air Service) circa la collocazione del nemico.

E accade ancora in Perù, a Pisco, dove c’è la sede delle Forze speciali peruviane e da alcuni anni sono attivi reparti cinofili "aviolanciati", vale a dire cani addestrati a compiere prestazioni a terra (individuazione di aree minate, riconoscimento di sostanze stupefacenti o recupero e soccorso di dispersi), ma capaci anche di lanciarsi dagli apparecchi in volo per atterrare nei punti più impervi e coadiuvare il lavoro dell’uomo delle pattuglie. Anche in Italia i cani vengono addestrati presso il Centro militare veterinario di Grosseto per essere lanciati, ma - fanno sapere fonti militari - fino a ora non sono mai stati effettivamente paracadutati.

«Noi alleviamo pastori tedeschi e pastori belgi malinois - dice a Ign, il tenente colonnello Carmine Salvatore, comandante del Gruppo cinofilo del Centro militare veterinario di Grosseto - Prima che compiano un anno, e comincino il corso di addestramento per la ricerca di esplosivo, vengono abituati a non aver paura dell’acqua, dei rumori, dei bambini, dei movimenti della gente, eccetera. Durante questo periodo vengono anche portati in elicottero dove imparano ad abituarsi al rumore e a come viaggiare sul mezzo, senza museruola comunque», precisa.

«Questo è preparatorio a una selezione - continua Salvatore - che porta al corso di 10 mesi di addestramento per la ricerca di esplosivo che prevede 3 fasi: la prima, di obbedienza, che dura 3 mesi in cui si crea l’empatia tra padrone e cane. Se il cane supera questa fase, inizia la seconda di 4 mesi con l’abbinamento degli odori alle sostanze esplosive e infine, durante la terza che facciamo in Kossovo, in pratica il cane opera in un contesto che simula una situazione reale. In ogni caso - conclude Salvatore - fino a ora non è mai accaduto che i cani fossero paracadutati davvero».

Ma come vive il cane questa esperienza? «Da sempre l’uomo usa gli animali nelle attività militari - dice la veterinaria Sivia Primicerio - A parte l’imposizione, di cui si può discutere, il cane si fida molto dell’uomo, ha spirito di abnegazione e si adatta. Certo l’aria non è il suo elemento, ma il rapporto di simbiosi che si crea con il padrone fa sì che non soffra. Come l’uomo non si lancia con un paracadute tutti i giorni e non tutti possono farlo, così il cane deve essere addestrato ed è necessaria una selezione perché non tutti possiedono le caratteristiche necessarie - sottolinea Primicerio - Certo, si può sempre discutere sull’addomesticamento degli animali da parte dell’uomo. Ma i cani, che siano per il salvataggio in acqua o antidroga, sono spesso felici quando riescono a fare ciò per cui il padrone li premia.


>>Continua a leggere "Cani paracadutisti in guerra: è polemica"

3963 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

E' in arrivo il Brick Pack

Scritto da G. • Martedì, 23 marzo 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del gatto
L’innovazione eco-compatibile, compatta e semplice da usare


Da aprile le linee gatto Indoor e Neutered Cat Royal Canin saranno disponibili anche in questo nuovo formato

Milano, 22 marzo 2010 – Royal Canin, gruppo francese specializzato nella produzione di alimenti di alta gamma per cani e gatti, lancia una novità assoluta per quanto riguarda il mondo del gatto: il Brick Pack, un formato rivoluzionario, facile da usare, compatto e rispettoso dell’ambiente. 

Il Brick Pack è realizzato in cartone, facile da aprire e chiudere grazie al funzionale tappo in plastica che consente anche una maggiore semplicità di utilizzo: inclinando leggermente il Brick Pack è possibile riempire con un semplice gesto la ciotola del proprio gatto, senza l’utilizzo di accessori aggiuntivi e senza sporcare.
La nuova confezione (24 cm di altezza e 7 cm di larghezza) occupa inoltre pochissimo spazio rispetto alle tradizionali buste in plastica ed è quindi più comoda da conservare.

Il Brick Pack contiene all’interno un quantitativo di crocchette sufficiente a coprire dai 4 ai 5 giorni, ideale quindi anche come confezione da viaggio, per portare sempre con sé l’alimento preferito dal proprio gatto all’interno di un pack piccolo e pratico.
Inizialmente questo formato sarà disponibile per la linea Indoor, per i gatti che vivono in casa, e Neutered Cat, per i gatti sterilizzati (per i dettagli dei prodotti, vedere la scheda allegata).

Il Brick Pack può inoltre essere un’ottima soluzione per provare per la prima volta questi alimenti.
Da non sottovalutare inoltre che il Brick Pack è un prodotto eco-compatibile perché realizzato quasi interamente in cartone e quindi riciclabile. I benefici coinvolgono tutte le fasi del ciclo produttivo, dai dettagli logistici, fino allo smaltimento dei vuoti: basti pensare che grazie al formato Brick Pack nel medesimo spazio può essere trasportato oltre il 40% di prodotto in più, riducendo quindi i mezzi di trasporto coinvolti e conseguentemente anche le emissioni di CO2 nell’ambiente.

Il Brick Pack, prodotto da Elopak (www.elopak.com) sarà disponibile a partire da aprile nei migliori negozi specializzati per animali.  Il prodotto sarà collocato all’interno di appositi espositori da banco dedicati oppure all’interno di originali dispenser a forma di Brick Pack giganti.

Note per i redattori

Royal Canin, azienda francese specializzata nella produzione di alimenti secchi e umidi di alta gamma per cani e gatti, ha come obiettivo il miglioramento e il mantenimento della salute dei nostri amici a quattro zampe. Studio accurato, ricerca scientifica, osservazione dei bisogni e dei comportamenti, amore profondo per cani e gatti, sono gli elementi che rendono questa azienda una delle realtà più importanti nel panorama mondiale del pet food.


>>Continua a leggere "E' in arrivo il Brick Pack"

2827 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Quando la sterilizzazione del cane è consigliabile

Scritto da G. • Lunedì, 22 marzo 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del cane

Oltre a quando si possiedono due cani, uno maschio e uno femmina, e non si vuole avere dei cuccioli, ci sono dei casi in cui la sterilizzazione del cane è consigliabile se non obbligatoria.

Quando si prendono i cani randagi, quando i cani sono soggetti a diabete, quando sono molto aggressivi e quando seguono i non vedenti.

I cani raccolti dalle ASL e inviati ai canili vengono spesso sterilizzati o castrati per evitare riproduzione e successivi abbandoni.

I cani per non vedenti vengono sterilizzati per evitare al loro padrone gli inconvenienti dei periodi di calore, sia per i maschi e sia per le femmine in quanto entrambi possono creare dei problemi durante le uscite e in particolare le femmine, nel caso di un “incidente” di percorso, almeno nei primi giorni dedicano il loro tempo ai cuccioli e resta un problema per i padroni.

Anche quando il cane è soggetto a diabete si consiglia di farlo sterilizzare in quanto durante i periodi di calore, l’effetto dell’insulina subisce notevoli cambiamenti e può diventare pericoloso per l’animale stesso. 



>>Continua a leggere "Quando la sterilizzazione del cane è consigliabile"

4476 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il gatto per ogni esperienza - 4° parte

Scritto da G. • Lunedì, 15 marzo 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del gatto
GIOVANI E PERSONE DINAMICHE.
Per tutti coloro che apprezzano il gatto in quanto tale, che amano la libertà e cercano in lui lo spirito libero che rende unici questi felini, per tutti coloro che vogliono un animale da rispettare proprio per queste sue peculiarità, che vogliono impostare con il loro gatto un rapporto basato sul rispetto e sulla reciproca fiducia, per tutte queste persone il gatto giusto è l’intramontabile e sempre di gran moda gatto di casa. Con tutti i pregi e i difetti della specie: ladro, opportunista, furbo, agile, svelto, dinamico, affettuoso, adorabile, insostituibile….

IL GATTO E LA FAMIGLIA.
Vivere in famiglia è il ruolo più difficile: solo il gatto, per la sua duttilità e la sua meravigliosa capacità di adattamento, può adeguarsi a situazioni tanto eterogenee. Dev’essere in grado di accettare ritmi diversi, essere socievole, sensibile, affettuoso, riservato quando è richiesto, pronto a dileguarsi quando c’è burrasca, mai invadente, tollerante e amabile con tutti, disponibile a partire per il fine settimana, quando è possibile. 


>>Continua a leggere "Il gatto per ogni esperienza - 4° parte"

4199 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il gatto per ogni esperienza - 3° parte

Scritto da G. • Venerdì, 12 marzo 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del gatto
IL GATTO E I BAMBINI.
Spesso un gatto non viene affidato a persone che hanno i figli piccoli in casa per il timore che i bambini possano maltrattare o seviziare la povera bestiola. In realtà i gatti sono ben felici di poter vivere con i bambini e i bambini di crescere con i gatti.

Non esiste connubio meglio riuscito: con l’animale il bambino dialoga e comunica, il gatto diventa complice, confidente, amico, un “oggetto di transizione” che non è più un giocattolo ma un compagno vero, in grado di dare e ricevere affetto.

L’animale assume un ruolo importantissimo, diventa un fondamentale momento di crescita, vivere con lui costituisce per il bambino una vera e propria assunzione di responsabilità. A noi adulti rimane poco spazio in un rapporto tanto esclusivo, ma una cosa è certa: non esiste spettacolo più bello che vedere dei cuccioli, di specie diverse ma pur sempre cuccioli, crescere insieme. Non esiste una razza più adatta o più disponibile rispetto alle altre. 


>>Continua a leggere "Il gatto per ogni esperienza - 3° parte"

2781 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il gatto per ogni esperienza - 2° parte

Scritto da G. • Giovedì, 11 marzo 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del gatto
PERSONE SOLE CHE TRASCORRONO MOLTO TEMPO IN CASA.
Il gatto ideale per gli anziani o per le persone che passano in casa buona parte della giornata dev’essere particolarmente affettuoso ma non solo: si addice perfettamente allo scopo quel gatto che, con prepotenza, esige cure e affetto, e fa sentire il proprio compagno utile e la sua presenza indispensabile.

Una razza in cui queste caratteristiche sono particolarmente sviluppate è quella Siamese, insieme a tutte le altre a lei strettamente imparentate, come l’Orientale, il Balinese, il Burmese, gatti possessivi e gelosi che amano il padrone in modo esclusivo.

Particolarmente sono consigliati i gatti a pelo lungo, sia per il carattere estremamente docile sia perché chi ha molto tempo a disposizione può prendersi cura di toelettare il loro impegnativo mantello, ma anche i gatti a pelo corto, i gatti di casa, i Rex e tutti quei soggetti che fanno dell’affettuosità e della tranquillità la loro caratteristica saliente.

Alle persone anziane si sconsiglia la convivenza con animali irrequieti, aggressivi o nervosi: un gatto troppo vivace potrebbe provocare delle cadute, con le spiacevoli conseguenze che ne deriverebbero. 


>>Continua a leggere "Il gatto per ogni esperienza - 2° parte"

2508 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!