I veri amici dell'uomo ...

I giochi per il gatto

Scritto da G. • Lunedì, 22 febbraio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del gatto
Per il cucciolo che vive in appartamento il gioco è un momento fondamentale che gli permette di crescere sereno ed equilibrato, di relazionarsi e socializzare correttamente e anche di apprendere e perfezionare tecniche di caccia.

Ogni sua gestualità e ogni movimento seguono precise regole e rituali. Il gatto, attraverso l’attività ludica, li ripeterà all’infinito per tutta la sua esistenza. Non c’è gatto, dal meno fantasioso a quello più avanti con gli anni, che rifiuti un’occasione per tenersi in allenamento o che non ceda alla tentazione di un agguato. Anche per l’adulto, quindi non si tratta di una semplice attività fisica: con il gioco il gatto ripete quotidianamente i suoi esercizi e i suoi schemi di caccia con una meticolosità e una precisione addirittura maniacale.

I giochi, sia quelli casalinghi  sia quelli più sofisticati, evocano questi rituali: una pallina di carta stagnola pressata o il classico tappo di sughero legato a una funicella e appeso a una porta sono perfetti allo scopo. Nella fabbricazione di questi giochi casalinghi bisogna evitare i gomitoli di lana, perché il gatto li potrebbe sfilacciare e ingerirne i fili, o le palline troppo piccole che l’animale rischierebbe inavvertitamente di ingoiare.

I giochi in commercio sono grado di eccitare anche il gatto più pigro o annoiato e il padrone meno intraprendente. I giochi più comuni evocano i tre diversi modi che il gatto utilizza per cacciare. 


>>Continua a leggere "I giochi per il gatto"

9292 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il Burmilla

Scritto da G. • Venerdì, 19 febbraio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Razze feline
Il nome Burmilla deriva dalla fusione tra Burmese e Chinchilla, a ricordo dell’accoppiamento tra le due razze entrambe di proprietà della baronessa londinese Miranda Von Kirchberg, e nacquero, l’11 settembre 1981 quattro meragliose gattine che presentavano un pelo più fitto e denso di un normale gatto a pelo corto e il sottopelo bianco candido, con le punte argento come quello del Silver shaded.

Il suo corpo, robusto e muscoloso, è classificato come cobby. La testa è leggermente arrotondata, gli occhi sono grandi, espressivi, verde brillante o ambra nei mantelli red, cream, tortie. Il pelo è corto e il sottopelo lanoso.

Il suo carattere è un meraviglioso incrocio tra l’intraprendente e curioso Burmese e il pacifico Persiano. Da cucciolo è molto attivo, mentre da adulto diventa più tranquillo e pacato. Il padrone ideale di questo gatto è una persona che desidera un gatto raro e prezioso, docile ma nello stesso tempo vivace e intraprendente. 


>>Continua a leggere "Il Burmilla"

6792 hits
Tags:
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

La diarrea o la stipsi del cane

Scritto da G. • Giovedì, 18 febbraio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Emergenze Cane
La diarrea può essere causata dall’alimentazione.

Tra le varie cause segnaliamo il parassitismo (presenza di vermi), la proliferazione di batteri (che fa perdere molta acqua e, nel peggiore dei casi, dà luogo a diarree emorragiche), una patologia virale (per esempio, gastroenterite da Parvovirus che provoca diarree emorragiche), un’eccessiva quantità nell’intestino di materia non assimilata, assunzione esagerata di liquidi.

Nei casi più semplici, per esempio un cambiamento improvviso delle abitudini alimentari (non vengono rispettati i tempi di adattamento dell’animale), un’indigestione o l’assunzione di un cibo avariato, la diarrea scompare rapidamente non appena si elimina la causa scatenante. 


>>Continua a leggere "La diarrea o la stipsi del cane"

7199 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il rigurgito e il vomito del cane

Scritto da G. • Mercoledì, 17 febbraio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Emergenze Cane
Si dice che un alimento è rigurgitato quando viene espulso dalla bocca prima ancora che sia iniziato il processo di digestione.

Le cause sono varie, sia meccaniche (ostacolo) e sia organiche (lesione o malformazione). Questa risalita improvvisa espone l’animale al rischio di problemi respiratori (soffocamento e/o infezione a livello dei bronchi), poiché il cibo rigurgitato potrebbe finire nella trachea. Il rigurgito accidentale, cioè dovuto all’ingestione di un oggetto lesivo (osso appuntito, boccone bollente) è normale e riflessivo.

Per quanto riguarda il vomito, è provocato da un’affezione a livello dello stomaco. Tra le possibili cause segnaliamo l’ingestione di corpi non digeribili quali sassolini, monete, un fazzoletto (certi cani sono imprevedibili!), una torsione dello stomaco, dell’intestino, un’allergia o un’intossicazione alimentare, una patologia virale, un’infiammazione dello stomaco, dell’intestino, del pancreas o del fegato, un’occlusione intestinale, lo stress (provocato da una fobia o da uno sforzo violento).

Se non riuscite ad identificare rapidamente il motivo del vomito, portate l’animale dal veterinario. 


>>Continua a leggere "Il rigurgito e il vomito del cane"

8548 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Bigazzi sospeso dalla Prova del Cuoco

Scritto da G. • Martedì, 16 febbraio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del gatto
Alcuni giorni fa il presentatore Beppe Bigazzi in un momento della trasmissione della Prova del Cuoco dedicato a lui ha dichiarato che lui ha mangiato e che mangia tuttora i gatti, insegnando anche come fare a cuocerli!!!! Proprio per questo è la notizia di ieri che Bigazzi è stato sospeso dalla trasmissione.


Infatti poi spiega Cristina Morelli presidente ligure dei Verdi e responsabile Diritti Animali:



"Dobbiamo ricordare a Bigazzi che i gatti, come tutti gli
altri “animali d’affezione”, sono tutelati dalla legge 281 del 1991 che
nell’art.1 comma 1 recita: “Lo Stato promuove e disciplina la tutela
degli animali di affezione, condanna gli atti di crudeltà” contro di
essi, i maltrattamenti e il loro abbandono, al fine di favorire la
corretta convivenza tra uomo e animale e di tutelare la salute pubblica
e l’ambiente”.Ricordiamoci che chi è in televisione ha un ruolo molto
delicato e un messaggio come questo, dove si invita a mangiare i gatti,
è particolarmente grave ed è per questo che faremo un esposto e
denunceremo Bigazzi e le sue dichiarazioni.




>>Continua a leggere "Bigazzi sospeso dalla Prova del Cuoco"

3606 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il Pitt Bull

Scritto da G. • Venerdì, 12 febbraio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Razze canine
L’American Pit Bull Terrier non è ancora ad oggi una razza riconosciuta anche se le sue origini sono antichissime, addirittura veniva già usato dagli antichi Romani nei combattimenti e infatti è ancora oggi uno di quelli più usato allo scopo purtroppo.

Nel corso degli anni, e specialmente negli ultimi anni, si sono sviluppate molte voci e credenze sull’aggressività e sulla ponderosità delle mascelle di questa “razza”. Al contrario di quanto si possa pensare questa “razza” è affidabile, se non si pretendono da esso atteggiamenti iperaggressivi. Resta comunque un cane di carattere, non adatto a tutti.

E’ un cane di media-piccola taglia ma con una forza incredibile rispetto alle dimensioni. Ha una costruzione solida, molto muscoloso, ma allo stesso tempo molto agile e scattante. Abbastanza elegante nel portamento e molto attento a tutto ciò che lo circonda. La sua espressione è decisa e seria. Dal suo passato trae il suo carattere di indomito coraggio.

Cane che si affeziona in modo particolare ad una persona precisa. Questa persona rimarrà il suo unico pensiero durante tutta la sua vita.

Impavido cane da guardia e allo stesso tempo ottimo compagno per stare in famiglia. Se abituato è adatto anche a stare con i bambini. Anche per questa razza non sono assolutamente vere le voci riguardanti le sue naturali note di cattiveria e di ferocia.  


>>Continua a leggere "Il Pitt Bull"

15979 hits
Tags:
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

L'intervento del padrone nel cane

Scritto da G. • Giovedì, 11 febbraio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del cane

Come dobbiamo comportarci con un cucciolo di cane già dalla nascita?

Vediamo insieme, secondo l'età dell'animale, i gesti e gli atteggiamenti che dobbiamo adottare per una corretta gestione del cucciolo.


Dalla nascita a 2 settimane:
- maneggiate il cucciolo con dolcezza tutti i giorni;
- pesate il cucciolo;
- non svegliatelo.

Da 2 a 3 settimane:
- provate la sua vista (vedete se è in grado di seguire un oggetto);
- provate il suo udito (il cucciolo deve sussultare ad un rumore insolito).

Da 3 a 8 settimane:
- mostrategli altri cuccioli di cane e di altri animali;
- controllate che non morda durante il gioco;
- cominciate a educarlo (pulizia);
- proponetegli diverse stimolazioni (suoni, rumori, ecc)



>>Continua a leggere "L'intervento del padrone nel cane"

2737 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

I colori del mantello del gatto - 2° parte

Scritto da G. • Mercoledì, 10 febbraio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del gatto
Vediamo altri due tipi di colore del mantello del gatto: squama di tartaruga e bianco.

SQUAMA DI TARTARUGA. I gatti possiedono 38 cromosomi: 36 autosomi identici e due cromosomi sessuali, XY il maschio e XX la femmina. I geni che portano i pigmenti colorati, “O” (orange) e “o” (non orange) sono situati sul cromosoma sessuale X, mentre il cromosoma sessuale Y non possiede il locus del gene “O”. Per questo motivo un gatto maschio potrà essere solo rosso oppure non rosso (cioè nero), una femmina, invece, avendo due cromosomi X potrà essere rossa, non rossa (cioè nera) oppure rossa e nera contemporaneamente. La squama di tartaruga, quindi non può essere che femmina perché solo in questo caso (XX) il rosso (“O”) e il non rosso (“o”) possono essere presenti contemporaneamente. Se nasce un maschio di questo colore è quasi sempre sterile.

BIANCO. Il gene “W” (White), responsabile del colore bianco, è un gene molto particolare in quanto epistatico e dominante. “W” è epistatico, cioè nasconde gli effetti di tutti gli altri geni responsabili del colore e della sua ripartizione: in pratica un gatto bianco altro non è che un gatto di un colore qualsiasi “coperto” di bianco. Un gatto bianco omozigote (WW) produrrà solo cuccioli bianchi mentre accoppiando due gatti bianchi eterozigoti (W-) potremmo ottenere il 75% di cuccioli bianchi e il 25% di cuccioli colorati.


>>Continua a leggere "I colori del mantello del gatto - 2° parte"

6061 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!