I veri amici dell'uomo ...

Come prendere in braccio un gatto

Scritto da G. • Venerdì, 29 gennaio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del gatto
I gatti amano i toni dolci e suadenti, odiano i rumori bruschi e le manipolazioni troppo energiche.

Amano farsi coccolare e accarezzare e i loro proprietari adorano stabilire con il proprio gatto uno stretto rapporto fisico. Nel fare questo bisogna rispettare i tempi dell’animale e soprattutto i suoi desideri.

E’ inutile tentare di prendere in braccio un gatto che desidera essere lasciato solo o un gatto nervoso e recalcitrante. Se non ne ha voglia, ogni tentativo si trasforma in un frustrante fallimento.

Se si desidera prenderlo in braccio, si deve per prima cosa verificare la sua “disposizione”, saggiandone l’umore con qualche carezza. Parlandogli dolcemente e rassicurandolo di può sollevarlo mettendo una mano sul torace e l’altra sotto il treno posteriore, per sostenerlo. Per infondergli sicurezza e tranquillità possiamo avvicinarlo al nostro petto sempre tenendo bloccate le zampe anteriori con la nostra mano.

Di solito il gatto non ama stare a lungo in braccio o essere trattenuto contro il suo volere. A volte basta accarezzarlo sulla testa e sotto il mento perché si rilassi, anche se non disdegna le carezze sul collo e sul dorso. 


>>Continua a leggere "Come prendere in braccio un gatto"

2733 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Cosa fanno i nostri gatti soli in casa?

Scritto da G. • Giovedì, 28 gennaio 2010

Alla radio l’altro giorno ho sentito che hanno fatto una ricerca per capire cosa fanno i nostri gatti quando restano a casa da soli, quando noi stiamo via per tante ore.

I risultati di questa ricerca hanno messo in risalto il fatto che, come da abitudine, la maggior parte dei gatti guarda  per quasi tutto il tempo fuori dalla finestra, se ne stanno lì impalati a guardare fuori…., un’altra grossa fetta di loro fissa il televisore, anche se spento…. e una minima parte del proprio tempo in solitaria la trascorrono mangiando, dormendo e giocherellando….

E noi che pensavamo che se ne stessero tutto il tempo a dormire nella loro morbida e calda cuccia, scatenandoci anche qualche gelosia mentre noi eravamo al lavoro stressati, e invece loro cosa fanno? Fissano il vuoto :-)




>>Continua a leggere "Cosa fanno i nostri gatti soli in casa?"

5610 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Gli organi della riproduzione del cane

Scritto da G. • Mercoledì, 27 gennaio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del cane
Guardiamo insieme l’anatomia degli organi genitali maschili e femminili, per poter meglio comprendere la specificità della riproduzione del cane. Questi organi possono essere soggetti a malformazioni che determinano, a loro volta, disturbi della riproduzione.

Gli organi genitali della femmina, rispetto a quelli maschili, non sono visibili. Partendo dagli organi più esterni troviamo la vulva, il vestibolo e la vagina, sulla cui parte inferiore viene a trovarsi l’orifizio urinario, che conduce alla vescica. Dal vestibolo fuoriesce l’urina e di conseguenza, qualsiasi infezione urinaria può ripercuotersi sulla sfera genitale.
L’utero, situato sul prolungamento della vagina, è costituito da un collo, dal corpo e da due corni uterini, normalmente posizionati a sinistra e a destra. All’estremità di ogni corno è fissata un’ovaia, contenuta in una sacca adiposa, chiamata borsa.

Il corpo dell’utero misura  da 3 a 5 cm, il collo da 1 a 2 cm e ogni corno è lungo da 10 a 15 cm. La vagina è lunga da 5 a 15 cm. Le ovaie pesano ciascuna da 1 a 3 gr. Esistono 5 coppie di mammelle: 2 coppie pettorali, 2 coppie addominali e 1 coppia inguinale.

L’apparato riproduttore maschile è composto dallo scroto che è il sacco ricoperto di cute che contiene i testicoli. Oltre il bordo superiore del testicolo si trova un organo allungato, l’epididismo, e il vaso sanguigno, che in caso di castrazione viene legato. Gli organi genitali sono costituiti dalla prostata, ghiandola situata dietro la vescica, e dal pene, ricoperto dalla guaina. 


>>Continua a leggere "Gli organi della riproduzione del cane"

14577 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

E' morto il gatto che prendeva l'autobus in Inghilterra

Scritto da G. • Martedì, 26 gennaio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del gatto
Purtroppo sono venuta a conoscenza che il gatto inglese che prendeva l'autobus tutti i giorni alla stessa ora, è stato investito da un auto ed è morto. Solo qualche tempo fa avevo visto al Telegiornale un servizio che raccontava di questo animale, poi oggi ho cercato su Internet la notizia e ho trovato questo articolo tratto da "La Zampa" che provvedo a copiare per portare tutti voi a conoscenza della storia di questo gatto.

"LONDRA
Ha preso l'autobus regolarmente ogni giorno per quattro anni, ma ora è giunto alla fine del suo viaggio. E' la storia di Casper, il gatto pendolare che si faceva il giro turistico della città di Plymouth (nella contea del Devon) per poi rientrare a casa, è morto investito da una macchina venerdì scorso. Il suo decesso ha profondamente addolorato gli abitanti della zona, che hanno appeso un cartellino commemorativo nel luogo in cui il micio si presentava puntualmente ogni mattina per prendere il bus.

La vicenda del mitico gatto vagabondo è stata riferita oggi dal Guardian, che ha raccontato come ogni giorno da vari anni Casper aspettava pazientemente in fila con gli altri passeggeri per salire a bordo dell’autobus numero 3 delle 10.55. Secondo il quotidiano britannico, la bizzarra vita di Casper «aveva attratto l’attenzione della stampa internazionale e regalava sorrisi in tutto il mondo». Ma è stata proprio la strada che Casper tanto amava ha portarlo alla morte. Il gatto siberiano di dodici anni, noto anche in Italia fra l’altro grazie al recente servizio di un tg nazionale, è stato infatti investito da un’automobile mentre stava attraversando la strada per raggiungere la sua solita fermata.

In un cartello commemorativo gli abitanti di Plymouth hanno scritto: «Casper ci mancherai. Eri amato da tutti, e rendevi più piacevole il tempo trascorso in autobus. Purtroppo sei stati investito, e l’autista non ha avuto neanche il buon gusto di fermarsi».

Il gatto era diventato la mascotte degli autisti, che si preoccupavano che stesse bene e che scendesse alla fermata giusta, anche se in tanti anni il micio non aveva mai sbagliato fermata. La stessa azienda di trasporti «First» aveva chiesto ai suoi dipendenti di prendersi cura del «passeggero non pagante».


>>Continua a leggere "E' morto il gatto che prendeva l'autobus in Inghilterra"

3162 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Le convulsioni nei cani

Scritto da G. • Venerdì, 22 gennaio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Emergenze Cane

Le crisi convulsive sono le emergenze più ricorrenti tra i sintomi di carattere nervoso. Prima di ricercarne l’origine, bisogna prendere qualche precauzione.

Cosa fare in caso di convulsioni? Circondate il cane di cuscini senza spostarlo, in modo che non si ferisca sbattendo la testa per terra. Fate attenzione che non abbia la testa all’indietro e tirategli fuori la lingua dalla bocca. Non cercate di dirgli di fermarsi, perché tanto non vi sente; non gridate e mettetelo in una situazione priva di stimoli sonori e luminosi. Passata la crisi, ci sarà tutto il tempo di interrogarsi sull’origini e le cause che l’hanno scatenata.

Le convulsioni si dividono principalmente in due tipi.


Convulsioni epilettiche: è il caso più ricorrente negli episodi convulsivi. La crisi ha una durata che può variare da qualche secondo a qualche minuto, anche se a voi possono sembrare ore. In genere si ferma così come è iniziata da sola. La sua caratteristica è l’alternanza di “pedalate” e di contrazioni estreme delle zampe. E’ molto difficile prevenire una crisi perché all’origine ci può essere qualsiasi tipo di emozione: una paura, una gioia, un rumore, ecc…

Convulsioni dovute a un’intossicazione: è una causa grave che deve essere trattata immediatamente. Per esempio, i veleni usati per la disinfestazione dell’orto o del giardino contengono del metaldeide, un potente convulsivo. Se digeriti erroneamente dal cane, la sua lingua assume il caratteristico colore blu del prodotto. 



>>Continua a leggere "Le convulsioni nei cani"

8537 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Come portare fuori il gatto?

Scritto da G. • Giovedì, 21 gennaio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del gatto
E’ opportuno tenere presente alcune semplici regole di buona educazione e alcune precauzioni relative al comportamento da tenere quando portate il vostro gatto fuori casa e che si riveleranno utili, non solo a voi e al vostro gatto, ma anche agli altri.

Se non si tratta dell’abituale uscita in luoghi conosciuti, trasportate sempre il vostro gatto nell’apposito trasportino. Si tratta di un oggetto veramente utile: ampio e comodo è fornito di uno sportello richiudibile e di una griglia per l’aerazione. Si rivela indispensabile se viaggiate di frequente. Sicuramente è necessario nella sala d’attesa del veterinario in quanto essendoci altri animali sconosciuti, tra i quali anche cani che non sopportano i gatti e viceversa, potrebbe spaventarsi anche se fosse in braccio a voi e saltare addosso a qualcuno.

Anche in macchina è utile che sia chiuso nel suo trasportino in quanto potrebbe spaventarsi per qualcosa e diventare un pericolo per la guida. Se il viaggio è molto lungo prevedete delle soste per permettergli di uscire e sgranchirsi un po’, poter fare i suoi bisogni, facendo attenzione che però non scappi in quanto un po’ frastornato.

Non fategli mai mancare il cibo e l’acqua. Se il gatto dimostra di soffrire il mal di macchina chiedete consiglio al veterinario, se invece ha paura di viaggiare tenetelo vicino a voi, parlandogli spesso tranquillamente e dolcemente. 


>>Continua a leggere "Come portare fuori il gatto?"

3162 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Scoperto canile lager, animali chiusi in bidoni di plastica

Scritto da G. • Martedì, 19 gennaio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del cane

Sulla "LaZampa.it" di ieri è uscito questo articolo che pubblico per mettere a conoscenza tutti di cosa è capace una "persona" se così si può definire.

Cani, capre e conigli maltrattati, donna denunciata a Guastalla

ROMA

Cagnolini chiusi dentro bidoni di plastica, con tanto di coperchio: scoperto a Guastalla, in provincia di Reggio Emilia, un canile lager. Cani e anche capre e conigli tenuti in condizioni definite spaventose dagli stessi carabinieri intervenuti, una donna è stata denunciata per maltrattamento di animali. A seguito di alcune segnalazioni - spiegano i carabinieri - questa mattina a Guastalla personale della polizia provinciale di Reggio assieme alle guardie ecologiche volontarie, alla polizia municipale,un veterinario e i militari di Guastalla, hanno fatto un vero e proprio blitz in un podere in via Castellazzo in aperta campagna.

Qui gli operatori hanno trovato, in mezzo ad una vera e propria discarica a cielo aperto, 10 cani, 20 capre e 8 conigli, denutriti, maltrattai, in pessime condizioni igienico sanitari. I militari hanno persino trovato un cagnolino chiuso dentro un bidone di plastica, con tanto di tappo ermetico.


>>Continua a leggere "Scoperto canile lager, animali chiusi in bidoni di plastica"

2880 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Le taglie dei gatti

Scritto da G. • Venerdì, 15 gennaio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Cure del gatto

A differenza dei cani, le forme e le razze dei gatti sono di dimensioni abbastanza simili.

I tipi base sono tre:

- gatto robusto con corporatura tozza, zampe corte e grosse, spalle e fianchi larghi, testa corta e rotonda.

– gatto muscoloso con zampe di media lunghezza, spalle e fianchi normali, testa di media lunghezza con struttura in parte arrotondata.
 





– gatto snello presenta zampe lunghe e magre, fianchi e spalle strette e il muso leggermente a forma di cuneo.


>>Continua a leggere "Le taglie dei gatti"

8186 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!