I veri amici dell'uomo ...

L'alimentazione di una cagna che allatta

Scritto da G. • Venerdì, 30 ottobre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Cure del cane

Uno dei fattori più importanti da tenere in considerazione quando si ha una cagna che allatta è sicuramente l’alimentazione. La produzione di latte richiede un apporto energetico importante e soprattutto molto calcio.

La lattazione è al massimo dalla terza alla quinta settimana successive al parto e poi diminuisce fino ad arrestasi al momento dello svezzamento, cioè verso la settima settimana.

Nel momento in cui viene raggiunto il picco della produzione di latte le necessità energetiche della femmina sono quattro volte superiori al normale, mentre la richiesta di proteine è sei volte superiore.

Bisogna tenere in considerazione che nei primi tempi i cuccioli poppano sette/otto volte al giorno.

Dalla terza alla quinta settimana dovrete quindi apportare:
- una quantità di fosforo, calcio e sostanze minerali tre volte superiori alla norma
– una quantità di lipidi tre volte superiori alla norma
– un quantitativo di proteine sei volte superiore alla norma. 


>>Continua a leggere "L'alimentazione di una cagna che allatta"

16280 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il graffiatoio e l'albero per i gatti per rifarsi le unghie

Scritto da G. • Mercoledì, 28 ottobre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Cure del gatto

Per un gatto farsi le unghie non significa solo limarsi gli artigli, ma praticare un’azione istintiva che gli permette di marcare il territorio. Graffiando gli oggetti posti verticalmente, il gatto emette segnali di tipo olfattivo e visivo, rilasciando il secreto prodotto da alcune ghiandole situate vicino ai cuscinetti carpali e nello stesso tempo mostra agli altri gatti i vistosi segni del proprio passaggio.

Spesso il proprietario lamenta questa attività felina soprattutto quando vengono presi di mira i divani, le tende e i mobili. Ecco quindi l’utilità dei tiragraffi e degli alberi per gatti che offrono la possibilità all’animale di sfogarsi senza distruggere la casa.

In commercio esistono piccoli zerbini, asticelle di cartone, di sughero o di legno rivestite di stoffa a trama grossa o moquette da mettere per terra o da appendere al muro a un’altezza tale da permettere al gatto di farsi le unghie facilmente.

Molto usati sono anche i tiragraffi a colonna, forniti di una base e di una colonnina centrale rivestita di moquette.

Non tutti i gatti ne fanno uso subito, spesso ci vuole un po’ di pazienza. Per renderli più piacevoli e graditi li si può fornire di giochi appesi a una cordicella o usare spray attiranti che, spruzzati sull’attrezzo, invogliano l’animale ad usarlo.

L’albero dei gatti è un accessorio particolarmente utile e divertente che arricchisce l’ambiente dedicato al gatto e riesce a combinare il gioco con la necessità di farsi le unghie e l’esigenza di uno spazio tutto suo. Si tratta di un alberello in legno e corda.


>>Continua a leggere "Il graffiatoio e l'albero per i gatti per rifarsi le unghie"

20551 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

I riflessi dei cuccioli di cane

Scritto da G. • Martedì, 27 ottobre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Cure del cane

Il sistema nervoso del cucciolo non è ancora giunto a maturità durante il periodo neonatale e funziona essenzialmente per riflessi.

Il riflesso di suzione: appena il cucciolo tocca la mammella, la lingua innesca la poppata. Potete provare anche con il vostro dito e vedrete che ve lo succhierà.

Il riflesso di rintanamento: il cucciolo non può regolare la propria temperatura alla nascita, quindi il suo corpo subisce delle variazioni termiche dell'ambiente esterno. Il suo primo riflesso è la ricerca del calore. Infatti se provate a piegare la mano formando un incavo come se voleste catturare il muso del cucciolo, noterete che istintivamente ficca il naso nella mano e la spinge portandovi avanti. Questa tendenza a rintanarsi esiste dal primo giorno della nascita fino al 21° giorno.

Il riflesso labiale: se toccate le labbra del cucciolo con un dito, il labbro e la lingua si mettono in azione. Anche questo riflesso scompare a partire dal 21° giorno

Il riflesso di estensione incrociata: bisogna tenere il cucciolo disteso sul dorso e pizzicarlo sotto la zampa posteriore. La zampa pizzicata si flette mentre la zampa opposta si tende. Questa reazione scompare verso i 18 giorni.



>>Continua a leggere "I riflessi dei cuccioli di cane"

10113 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

L'Abissino

Scritto da G. • Lunedì, 26 ottobre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Razze feline

I gatti di razza Abissina hanno un aspetto aggraziato nei lineamenti e dolci nell’espressione.
Questo gatto ha una bellezza  che non ha paragoni in natura. L’accurato lavoro dei selezionatori ha permesso di ottenere una ricca varietà di colori e una notevole omogeneità nei mantelli.

Infatti le righe che fino a poco tempo fa comparivano spesso sulla testa, sul collo, sulla coda e sulle zampe sono oggi pressoché scomparse ad eccezione di qualche ombra leggera sulle zampe e sul muso.

Ha le gambe lunghe e i piedi piccoli, si muove con passi leggeri e felpati come se danzasse sulla punta dei piedi. La coda è piuttosto lunga, affusolata e larga alla base. Gli occhi sono a forma di mandorla, vivi, espressivi e intelligenti di color ambra.

E’ un gatto esuberante, attivo, estroverso, dalla forte personalità ma sereno ed equilibrato. Particolarmente socievole ama la compagnia dell’uomo. E’ molto affettuoso e adora essere coccolato e viziato.

Predilige la vita all’aperto, ma non disdegna la comodità della casa. Sano e robusto l’Abissino è un gatto di facile gestione.

Il suo mantello è corto, naturalmente liscio, elastico e brillante e  può essere quindi spazzolato una sola volta a settimana.  


>>Continua a leggere "L'Abissino"

4084 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Perchè i cani scodinzolano?

Scritto da G. • Domenica, 25 ottobre 2009

A tutti fa piacere avere un cane che quando ci vede o sta con noi scodinzola, sembra che lo faccia per farci capire che è felice, ma non è solo per quello.

Infatti è una questione di “odori”, in quanto quando vuole far sapere agli altri (suoi simili perché noi purtroppo non riusciamo a capire) che c’è una situazione che gli piace, scodinzola velocemente la coda, e questi movimenti vigorosi comprimono ritmicamente  le ghiandole che si trovano nella regione anale che emanando così un odore personale.

Questo succede al contrario quando mette la coda fra le gambe, in questi casi vuole nascondere il suo odore e rendersi invisibile agli altri.

La velocità del movimento indica il grado di eccitazione, agitazione, felicità. La coda tremolante (sembra una vibrazione) non è uno scodinzolio, ma emotività.

Ci sono quattro tipi di scodinzolio:
Lieve scodinzolio, oscillazioni di modesta ampiezza: indica un tentativo di sottomissione che puo' accompagnare molte posizioni della coda.

Scondizolio ampio ma non tale da arrivare a toccare le anche, postura non bassa: gesto amichevole casuale che non implica alcuna dominanza sociale; si puo' vedere durante il gioco.

Scondinzolio ampio, con oscillazioni talmente estese che la coda tocca le anche da una parte all'altra, possibile abbassamento della parte anteriore del corpo: rispetto e remissività moderata verso la persona o cane cui è diretto. Il cane non si sente minacciato ma è consapevole della sua inferiorità di rango e spera di essere accettato


>>Continua a leggere "Perchè i cani scodinzolano?"

4287 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

La casa ideale per un cane da guardia

Scritto da G. • Sabato, 24 ottobre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Cure del cane

La sistemazione ideale per un cane da guardia è di regola all’aperto nella classica cuccia a casetta dove l’animale può rifugiarci.

Oltre alle cucce in legno, vi sono anche quelle in cemento o quelle formate da bilaminato impermeabile su struttura metallica.

La cuccia in cemento è quella meno indicata in quanto è gelida in inverno e la durezza della sua superficie causa calli e piaghe.

Quelle in bilaminato vanno già molto meglio, anche perché essendo smontabili sono facili da pulire.

Quelle in legno sono le migliori dal punto di vista della confortevolezza e del potere isolante, ma sono carenti dal punto di vista igienico. Sul pavimento della cuccia potete mettere qualche straccio, o della paglia, o delle foglie secche che poi dovete cambiare regolarmente di frequente.

L’ingresso non deve essere ampio e d’inverno può essere protetto da una tenda spessa. Per evitare anche inutili dispersioni di calore in inverno la cuccia non deve essere tanto grande. 


>>Continua a leggere "La casa ideale per un cane da guardia"

7132 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Perchè così tanti gatti muoiono per la strada?

Scritto da G. • Venerdì, 23 ottobre 2009

Sarà capitato a tutti mentre si sta guidando di notte di vedere un gatto sul ciglio della strada che cammina e poi appena prima che gli passiamo vicino si butta sulla strada per attraversarla di colpo… qualche volta riesce a salvarsi per chissà quale fortuna e invece nella maggior parte delle volte muore schiacciato.

Infatti questi incidenti sono la prima causa di morte dei gatti liberi di andare in giro fuori casa.

Ma perché si comportano così?

Fanno così perché restano abbagliati dai fari, completamente accecati e si immobilizzano. Inoltre, quando la macchina è vicina e il rumore è forte, il gatto perde l'orientamento perchè non percepisce da dove viene esattamente il rumore, ed è per questo che si butta da qualche parte.
A volte in mezzo alla strada, a volte invece arretra sul ciglio della carreggiata.

Molti danno come soluzione il fatto di mettergli dei collari luminosi o catarifrangenti per segnalare la presenza del gatto, ma non so quanto questo possa essere utile, perché anche se rallentiamo alla vista del micio, se comunque decide all’ultimo secondo di attraversare la strada non possiamo fare molto. 


>>Continua a leggere "Perchè così tanti gatti muoiono per la strada?"

4644 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

La contraccezione del cane

Scritto da G. • Giovedì, 22 ottobre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Cure del cane

Non è indispensabile far partorire una cagna, anche se non tutti i professionisti sono d’accordo. Se temete il periodo dei calori che si verificano due volte all’anno, potete optare per un contraccettivo che diventa indispensabile quando avete sia un maschio che una femmina e non desiderate che si riproducano.

Esistono rimedi sia farmaceutici che chirurgici sia per il maschio che per la femmina.

I rimedi farmaceutici hanno il vantaggio di non essere definitivi. Consistono nel praticare un’iniezione di ormoni ogni 5-6 mesi, dopo che si sono verificati i primi calori. Questo metodo però non è consigliabile visto che comporta dei rischi per la salute.

I rimedi chirurgici sono definitivi e non comportano rischi di infezioni uterine. Gli inconvenienti possibili riguardano un aumento di peso e un’incontinenza urinaria nella femmina in età avanzata. Questi fenomeni non si verificano necessariamente, ma è probabile che compaiano.

L’ovariectomia è l’asportazione delle ovaie, l’isterectomia è l’asportazione dell’utero e l’ovarioisterectomia  è l’asportazione delle ovaie e dell’utero. Togliere solo l’utero consente di eliminare i rischi della gestazione evitando l’obesità perché l’attività ormonale continua. Occorre però fare attenzione: i maschi vengono ugualmente attratti dalla femmina durante i periodi di calore. 


>>Continua a leggere "La contraccezione del cane"

9782 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!